Una descrizione generale della prospettiva di come i mantra producono risultati

Articolo scritto dal Dr. Ben Joffe  (PhD ) dottore di ricerca in antropologia culturale, specializzato in antropologia del Tibet contemporaneo, esilio tibetano e buddismo (le fonti e le note si trovano in calce all’articolo tradotto).

Guru Rinpoche, il Prezioso Guru Padmasambhava circondato dal suo stesso mantra, e il mantra dell’Origine Dipendente

In un post precedente ( già tradotto che pubblicheremo a breve) ho menzionato il nuovo libro del dottor Nida Chenagtsang sul tema del mantra healing, che è stato scritto con Yeshe Drolma e pubblicato nel dicembre del 2015 dalla Beijing People’s Press. Il libro, il cui titolo completo è “The Science of Interdependent Connection Mantra Healing” (rten ‘brel sngags bcos thabs kyi rig pa), è un risultato significativo. Mentre esiste un numero non piccolo di raccolte di mantra (sngags ‘bum) e grimori tantrici (sngags kyi be’u bum) all’interno della tradizione letteraria tibetana, questi sono, per lo più, libri di mantra e rituali magici, e non libri su di essi. Il volume di 339 pagine del dottor Nida è quindi innovativo. Rappresenta una delle prime trattazioni in lingua tibetana di questo tipo, in cui un praticante e studioso nativo della medicina tradizionale tibetana e del rituale tantrico fornisce una panoramica generale del mantra healing nella teoria e nella pratica, e fornisce una gamma più completa di quadri interpretativi e di contesto storico per gli approcci tibetani all’uso dei mantra.

Nel suo libro, il dottor Nida riunisce e organizza il materiale tradizionale e scritturale e lo argomenta con le tradizioni orali dei rituali tantrici tibetani non celibi, specialisti-yogi o ngakpa, che lui stesso ha ricercato e praticato come ngakpa ereditario. Il suo libro fornisce quindi una risorsa introduttiva unica per comprendere le tradizioni di guarigione tibetane e i modi in cui le forme rituali di terapia interagiscono congiuntamente ad altri tipi di trattamenti.

In precedenza, ho condiviso una traduzione della pagina dei contenuti del libro e della prefazione del professor Gojo Wangdu.

Per questo post, ho deciso di condividere la traduzione dell’intero capitolo quattro del libro del dottor Nida. Questo capitolo fornisce una panoramica generale della visione dell’efficacia del mantra, cioè del modo in cui si può effettivamente dire che la pratica del mantra healing “funziona” o genera risultati. Nel capitolo, il Dr. Nida la passa in rassegna una serie di fattori e caratteristiche relative ai mantra e al mantra healing, tutti direttamente implicati nel modo in cui i tibetani intendono che i mantra esercitino un’influenza su vari livelli della realtà. Due concetti chiave sono quelli di rten ‘brel (pronunciato tendrel) o “insorgenza dipendente” che appare nel titolo del libro, e nus pa thon pa (nüba tönba) o “efficacia” o “produzione di risultati/effetti”. Tendrel è la traduzione tibetana del principio buddista fondamentale e del termine sanscrito pratītyasamutpāda, origine dipendente o interdipendente, che si riferisce al principio ontologico buddista secondo cui tutto ciò che esiste, esiste come fenomeno composto e condizionato, come qualcosa che sorge a causa di altri qualcosa composti e condizionati. L’origine dipendente indica il fatto che qualsiasi cosa esista è il risultato di molteplici cause, fattori e condizioni che cospirano insieme per produrre risultati particolari. Indica anche altre idee chiave del buddismo, come il karma – “azione” o causalità – l’impermanenza, e la cosiddetta “vacuità”, la mancanza intrinseca di un “sé” duraturo e indipendente in tutte le cose.

Tendrel in tibetano indica questo dato ontologico generale – come un fatto fondamentale dell’esistenza che, serve a spiegare come agiscono tutti e qualsiasi fenomeno condizionato in generale. Può quindi sembrare che possa offrire solo una visione limitata di questo genere di cose, come la guarigione con il mantra, che a molti non buddisti può sembrare qualcosa di nettamente “sovrannaturale” o al di là delle leggi ordinarie della natura. Ma l’origine dipendente è un concetto così potente proprio per la sua applicabilità a tutti i fenomeni composti, per quanto sottili o grossolani, per quanto interni o esterni. La realtà della vacuità e dell’interdipendenza è precisamente ciò che rende possibili cose che possono sembrare “magiche” – la straordinaria trasformazione, nonché il legame dei fenomeni e l’esercizio dell’influenza su di essi.

In un registro tibetano più colloquiale, ‘tendrel zangpo o yakpo’ è spesso usato per indicare una connessione speciale o di buon auspicio, condizioni fortuite, o un nomen omen come quelli che sorgono tra gli esseri, tra insegnanti e studenti e così via, attraverso impronte e azioni positive, e potenti aspirazioni e impegni stabiliti nelle vite precedenti.

Tendrel, per sua natura è magia, è efficacia.

Come mostra il dottor Nida, il tendrel è ciò che garantisce che l’applicazione abile, focalizzata e coordinata di corpo, parola e mente non può che produrre risultati reali, risultati che sono potenti, che hanno potere trasformativo, come implica la parola nus pa. Non dovrebbe sorprendere quindi che i rituali di mantra per benedire le sostanze per la guarigione siano sigillati con la recitazione del mantra dell’origine dipendente, che serve come un bellissimo promemoria della rete di forze, potenzialità e condizioni in cui siamo tutti tenuti e attraverso cui viene eseguita ogni trasformazione.

Ciò che risalta prepotentemente nel capitolo del dottor Nida è il modo in cui il mantra healing è una pratica integrata. Mentre le categorie di corpo, parola e mente, e interno, esterno, segreto, o sottile e grossolano possono essere separate e valutate a fini analitici, nella vita e nella pratica – in un altro esempio di interdipendenza – esse si interpenetrano, si sovrappongono innatamente e inevitabilmente e si influenzano a vicenda. I commenti del dottor Nida sulle dimensioni incarnate della pratica di guarigione con i mantra – sulla vista, l’olfatto, il gusto, il tatto, l’udito e così via – e su come questi contribuiscano all’efficacia dei mantra, forniscono un’ulteriore ricca visione di ciò che la studiosa di Studi Tibetani Holly Gayley e altri hanno soprannominato la “soteriologia dei sensi” tibetana (vedi qui le eccellenti riflessioni di Holly sull’argomento). Le descrizioni e gli esempi del dottor Nida sui diversi modi in cui avvengono i riverberi attraverso le categorie e i livelli saranno interessanti per gli studenti e i praticanti del tantra buddista, così come per gli studenti di altre forme di esoterismo. Il suo discorso sul potere efficace innato o “virtù” nei suoni, nelle sostanze e nelle forme, insieme alle sue descrizioni delle risonanze tra fenomeni sottili e grossolani e l’importanza dell’immaginazione focalizzata e della concentrazione, risulterà senza dubbio familiare agli studenti dell’Ermetismo e della magia rituale occidentale. Anche questa breve panoramica dovrebbe chiarire ampiamente agli studiosi e ai praticanti dell’esoterismo e della magia occidentale che ci sono molti punti illuminanti di connessione e divergenza tra le tradizioni, che premierebbero ulteriori studi (uno dei pochi studiosi di studi tibetani/buddisti che ha finora pubblicato una sorta di trattamento esteso che si occupi delle somiglianze e delle differenze tra le tradizioni di magia rituale indo-tibetana e occidentale di cui sono a conoscenza è Stephan Beyer, che offre alcune riflessioni preliminari nel suo ‘The Cult of Tara: Magic and Ritual in Tibet’. Sarebbe interessante vedere qualcuno fare una valutazione approfondita di come la nozione di vincula o ‘legami magici’ o vincoli di Giordano Bruno si combina con il modo in cui il ‘legame dipendente o di supporto’ di rten ‘brel è stato concepito nella cosmologia tantrica tibetana e nella teoria rituale).

Nel corso del suo capitolo il Dr. Nida attinge a diverse fonti autorevoli e a diversi termini specialistici per contestualizzare e convalidare il potere del mantra healing. A volte cita autorità religiose tradizionali come Ju Mipham Rinpoche, in altri punti collega i fenomeni legati al mantra con la ricerca scientifica e psicologica contemporanea. Allo stesso modo, mentre discute il potere del suono, il dottore invoca i concetti e la terminologia Dzogchen per descrivere più precisamente gli elementi cosmologici attraverso i quali opera il mantra healing, e impariamo come le apparenze fenomeniche emergano dagli aspetti primordiali della mente. Mentre il Dr. Nida fa dei cenni alle categorie biomediche occidentali, alle scoperte scientifiche e a varie altre categorie “etiche”, il suo resoconto è radicato nella comprensione cosmologica tibetana indigena. Concetti come rlung (vento, energia vitale), canali sottili e i cinque elementi – tutti centrali nella medicina tradizionale tibetana e nelle teorie dello yoga tantrico su corpo e mente – appaiono come dati ontologici irriducibili e vengono discussi appaiono come dati ontologici irriducibili e vengono discussi in modo inequivocabile. Le spiegazioni del Dr. Nida potrebbero quindi non convincere i materialisti e gli scettici della realtà della guarigione con i mantra, ma sono comunque una risorsa unica e preziosa per comprendere le ontologie tibetane e i sistemi di conoscenza indigeni di oggi.

Comunque, ecco la traduzione.


Da ‘The Science of Dependent-Origination Mantra Healing’ (rten ‘brel sngags bcos rig pa),

scritto da Nyida Heruka e Yeshe Drolma, 2015, mi rigs dpe skrun , pp. 36-52.

Capitolo 4: Una spiegazione approssimativa di come funzionano i MANTRA

La dotta autorità Ju Mipham Namgyal Gyatso affermò:

“Così, poiché l’efficacia magica dei mantra è inimmaginabile, se uno si esercita correttamente (nel loro uso), ogni sorta di malattia sarà sicuramente pacificata”.

Egli insegnava con grande fiducia che il potere o l’efficacia dei mantra è inimmaginabile e che se si compie autenticamente la loro pratica si avrà il potere di pacificare qualsiasi malattia. Possiamo anche vedere che grandi medici qualificati e potenti ngakpa del passato hanno ottenuto risultati visibili e tangibili attraverso la pratica dei mantra e le stadi dell’addestramento alla guarigione con i mantra. Per esempio, quando pronunciavano le specifiche recitazioni e visualizzazioni necessarie per unire le ossa rotte, pronunciavano i mantra su pezzi di ardesia e vedevano se riuscivano ad unirne i pezzi. Se ci riuscivano, il loro potere di mantra era autentico e  quindi dicevano mantra per i pazienti. Pronunciavano mantra anche sull’argento vivo e lo bevevano direttamente senza alcun danno. Potevano leccare con la lingua il metallo arroventato e, avendo attualizzato il loro potere di mantra sulla lingua, lambivano (poi) con essa  la pelle dei pazienti. Alla nascita, il burro matrizzato [cioè il burro benedetto precedentemente mangiato dalla madre] usciva attaccato alla testa del bambino in modo direttamente visibile. Quando si pronunciavano i mantra per gli avvelenamenti, all’inizio quando i veleni raggiungevano il fegato (l’urina) diventava nera. Se dicevano i mantra su di esso e diventava rosso, questo era un segno che i mantra avevano funzionato e che sarebbero stati in grado di eseguire la guarigione attraverso l’uso dei mantra. Così, quando indaghiamo fenomeni come questi, possiamo vedere che il potere o l’efficacia dei mantra è difficile da comprendere con la mente (concettuale), positiva e di carattere scientifico.

 Per questo motivo, il mantra healing è qualcosa di più di una semplice imputazione mentale o concettuale priva di beneficio, e nessuno può dire che sia solo superstizione infruttuosa o fede cieca.

Quando si tratta di mettere in pratica la guarigione con i mantra, bisogna assolutamente capire le ragioni o i meccanismi di base attraverso i quali i mantra producono risultati. Tuttavia, le spiegazioni sul funzionamento dei mantra sono apparse solo raramente in tutti i libri che sono stati scritti dai tempi antichi fino ad oggi, sia nella scuola della Nuova traduzione che in quella della Vecchia traduzione (del buddismo tibetano), né è particolarmente facile esprimere i molti sottili punti chiave relativi all’origine interdipendente, in un modo che si adatti al nostro vocabolario o alla comprensione umana (ordinaria).

Tuttavia, penso che, se sei qualcuno che utilizza i mantra, è importante almeno capire un po’ come funzionano i mantra, o almeno dedicare qualche approfondimento e indagine sull’argomento.

Se non si fanno ricerche sul modo in cui i mantra sono efficaci, non si potrà mai diventare qualcuno che comprenda l’essenza o il significato ultimo della tradizione. È difficile realizzare trattamenti o cure mediche senza una vera tradizione o un sistema d’istruzione, quindi offrirò qui alcune riflessioni su come funziona la guarigione con i mantra, in modo semplice e chiaro.

In generale, l’efficacia dei mantra dipende unicamente dall’efficacia dell’origine interdipendente. Tutto ciò che esiste in questo mondo nasce unicamente a causa dell’origine interdipendente. Possiamo quindi vedere che spiegare l’efficacia dei mantra come origine interdipendente è in accordo con la struttura di base della realtà, e dato che gli effetti sorgono in dipendenza da cause e condizioni, se uno ha acquisito la padronanza del significato grossolano e sottile dell’origine interdipendente sarà senza dubbio in grado di realizzare il significato ultimo del potere dei mantra con poca difficoltà. Tuttavia, poiché io stesso non ho la sicurezza di spiegare il significato ultimo dell’origine interdipendente, come si addice alle circostanze, spiegherò il modo in cui i mantra funzionano e sono efficaci solo in generale, usando un linguaggio facile da comprendere.

 Il modo in cui si muovono i Lung (rlung) o i venti, il modo in cui il beneficio nasce dall’emissione e immissione del respiro, il modo in cui le espressioni vocali e le (parole di) verità diventano efficaci, il modo in cui i costituenti elementali sottili e grossolani sono efficaci, il modo in cui i mantra delle divinità meditative legate alla mente funzionano – questi guariscono sia se stessi che gli altri. I mantra giovano sicuramente alla guarigione delle malattie proprie e altrui.

Uno: come nascono i benefici attraverso il movimento dei venti nel corpo

Il modo in cui il respiro e i “venti” rlung o Lung o di energia vitale del proprio corpo fluiscono,  genera benefici, e questo è il modo principale per equilibrare i propri costituenti essenziali e trattare il proprio malessere.  Il modo in cui il vento fluisce dal naso al livello grossolano dei propri costituenti corporei è (come segue):

esso scorre attraverso la faringe e la trachea attraverso le cavità dei canali madre e figlio dei polmoni destro e sinistro, vale a dire che, l’aria esterna o il respiro viene inalato e l’essenza del vento (viaggia) attraverso gli spazi cavi dei polmoni e va nel sangue, e il vento impuro o stantio, residuo estratto dai vasi sanguigni, viene quindi espulso attraverso le cavità dei polmoni. Questa espulsione dall’interno dei polmoni costituisce le fasi successive dell’espirazione e dell’inspirazione del respiro. In generale, questo avviene circa quindici volte al minuto. Questa respirazione è una componente indispensabile del corpo. Nel contesto di un trattamento medico d’emergenza o di primo soccorso, quando si controlla se c’è pericolo per la vita di una persona, delle tre cose principali che si devono controllare :

– se la persona respira, se c’è battito cardiaco, se c’è funzione cerebrale – possiamo vedere che il respiro è il supporto più prezioso per la vita.

La portata e il potere benefico della respirazione non si estende solo ai polmoni, ma anche al cervello e al cuore, e così via, e il funzionamento delle parti più importanti del corpo dipende dagli elementi funzionali del respiro. Dato questo, è ovvio che le tecniche di respirazione insegnate come parte del mantra healing sono in grado di (generare) risultati particolari, sia di natura curativa che preventiva.

Al livello sottile del dare e prendere del respiro e dei costituenti elementali, come (rlung) circola è che i venti karmici che fluiscono dal naso (vanno) dal chakra ‘emanazione’ nell’ ombelico e sono inspirati ed espirati attraverso il canale (destro) ro ma e il canale (sinistro) rkyang ma.

Unitamente a questo, i lung sottili di terra, acqua, fuoco, aria e spazio scorrono anche in connessione con ciascuno dei canali e dei chakra. A livello dell’essenza vitale del lung, si manifestano anche i vari colori degli elementi – bianco, giallo, rosso, verde e blu scuro.  In questo caso, (se noi) distinguiamo la narice destra dalla sinistra, dalla narice sinistra c’è il flusso del lung solare che ha la natura dei mezzi, e c’è il flusso del lung lunare dalla narice sinistra che è della natura della saggezza. Secondo il giorno, ognuno di questi (esibisce) 10 462,5 movimenti o fluttuazioni.

Per ciascuno dei venti primari di terra, acqua, fuoco, aria e spazio si dice che ci sono 360 movimenti di transfert minori, e se si sommano le fluttuazioni simultanee del lung degli elementi del corpo, si dice che ci sono 1800 trasferimenti o movimenti maggiori. Il vento che scorre dal centro delle due narici o nel canale centrale è il lung della saggezza primordiale. Questo si muove 675 volte al giorno. Stando così le cose, in un’ora i venti karmici o il respiro hanno 900 fluttuazioni e in 24 ore i venti di saggezza ne hanno 2100 – contando 32 respiri (ordinari) come (equivalente a) un (movimento del) vento karmico, in 24 ore il vento di saggezza ha 675 fluttuazioni. Questo dal punto di vista di un (corpo) ordinario, non malato.

Per coloro che hanno malattie il respiro non scorre perfettamente, oppure, poiché la respirazione non avviene come dovrebbe, questo porta alla malattia. Recitare le tre sillabe del seme di Vajra (OM AH HUNG) equilibra il respiro e risolve la condizione di sofferenza, squilibrio o malattia. In questo modo, visto che (recitare) più mantra nello stile di un ‘Vajra-song’ è collegato a come scorre il rlung e a come operano i canali e la costituzione sottile, tali recitazioni hanno il massimo potere di riequilibrare gli elementi e i costituenti del corpo e della mente.

Come esempio di come il modo in cui il respiro scorre genera risultati, se, prendendo le sillabe mantra OM AH HUNG, si intona OM quando si inspira, AH quando si sospende (o si trattiene il respiro), e HUNG quando si espira, il triplice sorgere, entrare e sostare del rlung scorre nel modo giusto, e come risultato questo è molto benefico per il corpo. Attraverso le giuste qualità del corretto movimento degli elementi costitutivi, dei cinque venti, così come i venti che sostengono la vita e che fluiscono verso l’alto, la malattia corporea è curata e gli elementi costitutivi sono bilanciati. Esso (inoltre) conferisce la buona qualità della felicità mentale. Queste sono le ragioni per cui quelle che sono chiamate le tre sillabe del seme di Vajra sono decantate da tutti i detentori (praticanti) di mantra o ngakpa come il più nobile dei mantra.

Inoltre, intonando ‘HA’ ed espellendo HA! con un forte respiro, (è utile) in caso di malattie della forza vitale e del cuore, per il disagio mentale, la perdita di memoria, l’agitazione mentale o l’ansia, si espelle dal corpo, direttamente il lung stantio che si trova nei canali della forza vitale, e quindi si cura la malattia. Al contrario, i benefici per la febbre si manifestano nel pronunciare HAAAA lentamente e dolcemente con un respiro breve e lungo, nell’intonarlo insieme al vapore del proprio respiro, e ciò che è dentro viene espulso con l’aiuto del respiro. Allo stesso modo, se si intona “AH AH AH” – la singola sillaba AH – visto che questo è il suono radice o la vibrazione dei canali e dei chakra della gola, per mezzo di questo suono, e attraverso il canale/le sillabe radice della ‘dimora sonora’, i costituenti del corpo sono equilibrati, i canali, i venti e le gocce sono rilassati insieme alle sillabe, e le manifestazioni di beatitudine sorgono naturalmente nel corpo e nella mente, e così via. Poiché i molti mantra insegnati nel contesto del mantra healing sono collegati al movimento del respiro e del vento si producono rapidamente effetti benefici per il corpo e la mente..

Due: come nascono i risultati attraverso la produzione vocale o la voce (o il canto)

Le condizioni o i fattori attraverso i quali si produce la voce o la parola sono la testa, la lingua, il palato, la gola, i denti, le labbra, il naso e il respiro. Attraverso l’esercizio di questi, il linguaggio emerge, e inoltre, le parole sono prodotte attraverso i fonemi radice e il legame interdipendente dei venti raccolti.  La posizione da cui nascono i fonemi è mostrata qui sotto:

1. Gola 2. Naso 3. Testa 4. Petto 5. Palato 6. Lingua 7. Denti 8. Labbra

Quando le parole sono prodotte dalla voce, i canali e le sillabe sono indotti o attivati attraverso il lung, e il corpo trae beneficio dalla produzione di suoni mantra.

Per esempio, se si pronuncia la sillaba ‘KA’, il suono di questo ‘KA’ sorge dall’interno della testa e la sua onda sonora o vibrazione fluisce nel cervello attraverso i canali sottili o i nervi e risolve i disturbi degli elementi che si trovano nella testa. Le altre consonanti tibetane seguono uno schema simile.

Poiché il corpo, la parola/voce e la mente esistono indissolubilmente, sono in grado sia di aiutarsi che di nuocersi a vicenda. La parola e la mente sono sia aiutate che disturbate dal corpo – per esempio, se il sistema nervoso o “canale bianco” del corpo è malato, questo può rendere una persona muta. Oppure, se uno è afflitto da una malattia corporea, la natura o la condizione della sua mente è disturbata e a disagio. Il potere della mente può portare sia aiuto che danno al corpo e alla parola. Per esempio, quando la mente è eroica o fiera, il tono di voce diventa più alto e il corpo si distende. Quando ci si sente sconfitti o in angoscia, la voce si spezza e si esibisce un colorito corporeo debole o malsano. Le azioni della voce influenzano anche il corpo e la mente. Se uno si esprime troppo verbalmente, il suo vento aumenta e come risultato di questo sorgono le malattie di Lung e il suo corpo e la sua mente diventano malati. La propria mente e quella degli altri si ammalano a causa delle parole dure e, al contrario, esprimendo parole piacevoli si può rallegrare il cuore degli altri. Anche le malattie mentali vengono curate attraverso la comunicazione con le parole (la voce).

Così, i trattamenti per le malattie sia fisiche che mentali sono insegnati nella tradizione tibetana di Sowa Rigpa e poiché la guarigione con i mantra è prevalentemente basata sul potere e sulle attività della voce/parola, dei venti e della mente, può essere identificata come una forma di trattamento medico che si allinea con entrambi questi aspetti del corpo e della mente..

Tre: come i mantra producono risultati attraverso il potere degli elementi sottili e grossolani

Gli aggregati psicofisici del corpo umano sono un’unica rete, una maglia interconnessa composta dagli elementi grossolani e sottili. I fenomeni del mondo sono infiniti, eppure tutti derivano dal fondamento degli elementi. Gli elementi emanano magicamente dalla mente del “Re Creatore di Tutto” [un termine poetico nella tradizione di meditazione rdzogs chen o Grande Perfezione per il principio creativo universale che rende tutto possibile]. Attraverso il potere dell’origine interdipendente dei cinque elementi che risplendono dalla distesa della non-consapevolezza, sia gli oggetti che i soggetti sono resi manifesti. Dato che questi sorgono in connessione con le cinque qualità sensoriali esterne e le cinque ‘porte’ sensoriali interne, e attraverso il potere dei cinque elementi, le facoltà sensoriali dei soggetti possono essere danneggiate o aiutate dalle forme, suoni, odori, sapori e sensazioni degli oggetti. In modo simile, proprio come i soggetti possono essere aiutati dagli oggetti, il potere dei mantra funziona anche attraverso gli elementi sottili attraverso le cinque ‘porte’ dei sensi. Gli effetti di bilanciamento e di ricalibratura sono prodotti dagli aspetti più sottili dei costituenti elementari  (primari) del corpo e della mente, attraverso il potere dei legami interdipendenti della forma e del colore, del suono, del tatto, dell’odore, del gusto e del significato interiore dei mantra.

la forma degli elementi

Il potere del colore:

Il colore è un modo importante attraverso il quale si manifestano gli elementi. È l’origine o l’essenza degli elementi. I costituenti elementari del corpo o della mente possono essere controllati attraverso il potere del colore. Gli elementi di terra, acqua, fuoco, aria e spazio nascono dai colori blu, bianco, giallo, rosso e verde. Gli elementi sottili e grossolani che ne derivano costituiscono gli aggregati del corpo umano, e per questo i colori sono un modo per combinare gli elementi e portarli in cooperazione o opposizione. Per questo motivo, i colori possono (ri)calibrare  gli elementi interni. Per esempio, il colore rosso è l’elemento fuoco e ha il potere di curare le malattie da freddo o flemma, così come il colore verde, essendo dell’elemento aria, cura anche qualsiasi proliferazione dell’elemento terra di bedken che potrebbe sorgere. I colori hanno un’influenza sia sul corpo che sulla mente. Il colore rosso genera aggressività mentale e presunzione, e allo stesso modo aumenta la temperatura del sangue e la proliferazione dell’elemento tripa o bile nel corpo.

In questo modo, il potere del colore è importante anche per alcuni mantra. Attraverso i colori i mantra vengono rinvigoriti e quindi risolvono i disturbi degli elementi corporei e mentali. I disegni scritti dei cerchi di mantra protettivi o degli amuleti richiedono colori speciali e quando si medita sulle sillabe dei mantra ci si deve concentrare sul colore dei mantra senza agitazione (mentale) o qualsivoglia  disturbo. La ragione ultima di questo è anche a causa del potere del colore.

Il potere della forma:

La maggior parte dei fenomeni figurativi o semiotici dipendono dalla forma e la forma comprende la nostra apparizione o manifestazione (nel mondo) e il fenomeno più diretto dato o la proprietà dei fenomeni. Ci sono diversi tipi di forme esterne, interne e segrete. Le forme esterne sono le varie forme che appaiono esternamente e che sono percepite come oggetti dalla coscienza sensoriale dei nostri occhi. Così, per esempio, le forme di base o radice che sorgono – la sfera, la mezzaluna, il triangolo e il quadrato – sono le forme grossolane dei quattro elementi. Inoltre, in virtù delle connessioni interdipendenti della forma, gli effetti possono essere generati (dalla) natura stessa del dharmata, dal livello ultimo (della) realtà. Le quattro forme radice rappresentano le quattro azioni rituali (tantriche) di pacificare, espandere/incrementare, magnetizzare e soggiogare ferocemente. Le forme interiori sono quelle porzioni di canali ed elementi del corpo interno che esistono come lettere o sillabe di mantra. Se ci si concentra su queste sillabe-forma come punti specifici di concentrazione mentale o consapevolezza, si possono espandere gli elementi e pacificare i disturbi.

Per esempio: se ci si concentra sulla sillaba RAM al proprio ombelico, la RAM equilibrerà gli elementi connessi con l’ombelico (centro). Per quanto riguarda le forme segrete, queste non possiedono realmente alcuna forma concreta di per sé. Comprendono “forme definitivamente vuote” e sono la più elevata di tutte le forme. La pratica del mantra di guarigione attraverso visualizzazioni che si basano sulla forma, il colore e la luce, produce il vantaggio di portare a maturazione ed espandere il potere effettivo dell’essenza degli elementi.

Quando si tratta di forme segrete, queste non possiedono realmente alcuna forma concreta di per sé. Comprendono “forme essenzialmente vuote” e sono la più elevata manifestazione della forma. Praticare il mantra healing attraverso le visualizzazioni usando forme, colori e luci produce il beneficio di portare a maturazione ed espandere il potere dell’essenza degli elementi. Ci sono molti tipi di trattamenti di mantra healing (che coinvolgono) la funzione delle forme: diversi tipi di amuleti circolari come i cerchi protettivi e di allontanamento, i vari tipi di iscrizioni esoteriche, le lettere congiunte o subscritte e i blocchi di stampa dei mantra. Il potere di questi deriva principalmente dalle sillabe mantra disegnate in varie forme elementali e vari tipi di animali. Come tale, incorporando i poteri di entrambi i mantra e le forme e qualsiasi sostanza rituale adatta alla situazione come una cosa sola, i risultati sono prodotti in un modo che assomiglia a come diversi tipi di ingredienti sono mescolati insieme per creare una formula medica.

Come i risultati vengono effettuati attraverso il suono:

Il suono è l’origine degli elementi e tutti gli elementi esterni e interni sono legati al suono, e quindi questi nascono dal suono. Nella tradizione della Grande Perfezione, il triplice “suono, luce e raggi” è inteso come la fonte o l’inizio degli elementi. La luce è prodotta dal suono primordialmente esistente e tutti gli elementi emergono dai raggi o dalle onde di questa luce. Così, tutto è prodotto dal suono. Questo è dunque il potere del suono. Il potere dei mantra entra nei suoni e bilancia gli elementi corporei. Il suono può portare delle trasformazioni all’interno del corpo. Per esempio, qualcosa come una canzone ordinaria o comune, può portare gioia o irritazione alla mente. Se uno stato di irritazione sorge nella mente, il cuore può diventare malato e la respirazione può diventare difficile. La musica o le melodie introducono onde sonore nel cervello e sono in grado di aumentare le prestazioni del corpo umano. Per esempio: quando certi pazienti con arti paralizzati o spastici ascoltano certi tipi di musica, (riacquistano) la capacità di camminare o sedersi meglio di prima. Da questo possiamo capire chiaramente che il suono produce risultati nel corpo e nella mente. Per questo motivo, il suono impetuoso  di PHET/PHAT! risveglia gli elementi sottili del corpo dei pazienti e dona serenità (di fronte alla) paura. Insieme a questa sensazione (di serenità) porta cambiamenti e inversioni negli elementi corporei. Quando si sente il suono e ci si spaventa, il battito cardiaco accelera e il respiro (esce) come un rantolo /affanno. Anche il suono del battere le mani può respingere le malattie e gli ostacoli, aprire i canali e i chakra, e così via. Il fatto che queste cose generino effetti attraverso le funzioni sottili degli elementi dimostra che il suono è parte integrante della terapia /cura.

In alcuni antichi testi di medicina tibetana (sowa rigpa) si insegna inoltre che se si sente il verso di un animale questo aiuta la riabilitazione da una malattia. Lo stimato Ju Mipham Namgyal Gyatso afferma che

“se uno sente abbaiare un cane rabbioso o il richiamo di un gufo può aiutare a curare un avvelenamento. Anche sentire il richiamo di una pernice bianca tibetana o di una pernice bianca aiuta. Sentire il richiamo di una pernice bianca aiuta a curare l’inquinamento causato da cose sporche”

In alternativa, se si ascolta il suono dell’acqua corrente, è più facile partorire o urinare. Quando si ascolta il suono della pioggia o delle onde, sia il corpo che la mente si rilassano. Così, che si tratti di suoni in modo attivo o passivo, consapevolmente o inconsapevolmente, percepiti dalla consapevolezza sensoriale, intelligibili o incomprensibili per la mente o un po’ di tutti e due, essi possiedono un potere di guarigione naturale e intrinseco. In breve, quindi, il potere primario dei mantra deriva dal suono. Il potere delle onde sonore o delle vibrazioni sonore, permeando varie sostanze rituali come l’acqua e il sale, è in grado di trattare le malattie. Poiché l’acqua e altre cose simili hanno il potere di trattenere le onde sonore, i risultati si ottengono attraverso l’elemento acqua dei fluidi organici dei pazienti stessi.

Come è efficace la guarigione attraverso l’olfatto:

generalmente, nel contesto della guarigione con i mantra, si parla di trattamento con l’odore quando si dicono i mantra su diversi tipi di sostanze mediche, come l’incenso, e si fumigano con queste. Nel caso degli elementi corporei grossolani, nei testi medici tibetani, il naso è descritto come “la porta del cervello”: il potere o l’efficacia delle sostanze arriva al cervello attraverso l’odore e i costituenti elementari dei “canali bianchi” (nervi) e dei vasi sanguigni del cervello sono equilibrati, e in questo modo, gli effetti salutari sono diffusi in tutto il corpo attraverso i polmoni e i vasi sanguigni. Nel caso degli elementi sottili (corporei), il “fumo” o il vapore dei mantra e delle sostanze (incenso) vengono inalati sia nel canale destro che in quello sinistro, e il potere del mantra insieme all’odore genera effetti attraverso il LUNG  nei tre canali medi, destro e sinistro e nei cinque canali-chakra.

In Tibet, per esempio, ci sono molti incensi e sostanze aromatiche che sono “perfezionati” o “compiuti” (cioè consacrati ritualmente o purificati attraverso la pratica della sadhana) dalle comunità monastiche e dai potenti ngakpa.

Per esempio: l’incenso di Mindroling (cioè un monastero Nyingma) è molto conosciuto in Tibet. Di conseguenza, sostanze d’incenso come De’u mar Kola 25 e Agar 15 dissolvono estremamente bene le oscurazioni e ripristinano i costituenti (corporei).  L’incenso per purificare l’aria e le sostanze sang portano benefici reali: non solo curano le malattie fisiche e mentali, ma purificano anche gli ambienti.

  Come è efficace la guarigione attraverso il gusto

In generale, i sei gusti nascono dai cinque elementi. Il dolce nasce dalla [combinazione] di terra-acqua; l’acido dal fuoco-terra; il salato dall’acqua-fuoco; l’amaro dall’acqua-aria; il piccante dal fuoco-aria; e l’astringente dalla terra-aria. Gli elementi esterni entrano nel corpo attraverso il cibo e le bevande e aumentano gli elementi interni. Il potere dei sei sapori è una componente indispensabile e fondamentale della resistenza del corpo. La cosiddetta ‘guarigione del gusto’ è un metodo di trattamento medico che dipende dai sei gusti e da qualsiasi (altro) gusto sia appropriato. In questo caso, la potenza (ngar) dei mantra è legata ai sei gusti e cura la malattia. Le sostanze pure (del voto tantrico o samaya) che liberano attraverso il gusto”, la “medicina realizzatrice” (medicine benedette nel corso delle pratiche di sadhana medica), le “sostanze impure o corrotte”, l'”acqua del vaso” (acqua benedetta per aspergere), l’acqua del mantra e simili sono ben note in Tibet. Queste vengono sperimentate attraverso il senso del gusto della lingua – attraverso la facoltà della lingua il potere delle sostanze mantriche (si muove) attraverso i vasi sanguigni e permea il sangue, per mezzo del quale, insieme alla forza del corpo e a tutti i suoi organi interni, i costituenti elementari vengono riequilibrati. Così, a causa del consumo di (sostanze) medicinali, la medicina si diffonde attraverso i vasi sanguigni e si ottengono risultati.

Guarigione tramite il tatto

Si dice che gli effetti benefici si producono vedendo, ascoltando, ricordando e toccando i mantra. I risultati si ottengono semplicemente ricordando i mantra nella propria mente e toccandoli. Se si tocca il proprio corpo con acqua di mantra, sillabe di mantra, amuleti di mantra o fili di mantra, e così via, le provocazioni diaboliche e le oscurità della malattia vengono dissolte e il corpo e la mente vengono pacificati. Il potere del mantra viene assorbito nella mente e nel corpo attraverso la pelle e attraverso le piccole aperture nei peli sottili del corpo. Se le sillabe del mantra non toccano direttamente il corpo, anche se il potere del mantra tocca il corpo attraverso gli elementi e il rlung per mezzo delle bandiere di preghiera portanti il mantra (sia della varietà a corda piccola che della varietà a bandiera verticale più grande) è comunque di beneficio.

Il potere delle parole di verità

Nei testi buddisti si trova il sentiero profondo del Mantra Segreto. Se si recitano i mantra delle tre radici dello stadio della creazione e si perfeziona la pratica delle meditazioni sui canali e i venti dello stadio del completamento, i canali del chakra della gola si apriranno. Se i sedici canali ‘petali’ (o canali radiali, supplementari) e gli otto canali segreti del chakra del godimento della gola sono stati aperti, si dice che, poiché il rlung dell’energia vitale e la parola sono stati realizzati, tutto e qualsiasi cosa che si dice sarà raggiunto senza impedimenti. Come tale, il potere efficace latente della voce e del vento nel proprio corpo sarà reso manifesto. Se si raggiunge la padronanza della voce e del vento in linea con il potere che si ha di controllare i propri venti e la propria mente, si potranno trasformare i poteri o le funzioni dei costituenti elementali sottili per mezzo della parola. Se uno ha aperto i propri canali della gola, sperimentando l’ispirazione o la realizzazione spontanea della distesa della consapevolezza primordiale, come nel caso dei venerabili (yogi) Milarepa e Shabkar Tsokdruk Rangdrol, le parole di canti religiosi, consigli orali, preghiere e simili usciranno naturalmente e spontaneamente senza che uno debba pensarci. Il potere delle “parole di verità” è descritto come “compimento di qualsiasi cosa si pronunci”. Per esempio: qualsiasi cosa Drukpa Kunley abbia detto ha avuto luogo o si è compiuta proprio come l’ha detta. Per questo motivo, anche le (sue) preghiere erano efficaci. Quando si tratta di preghiere, gli esseri che hanno ottenuto l’efficacia nella parola hanno fatto preghiere e suppliche aspirazionali in modo perfetto e poi le hanno scritte. Se altri, credendo in questi esseri, li seguono e pregano, anch’essi potranno ottenere risultati. Quando sono sorte piaghe e dispute, potenti ngakpa hanno scritto preghiere che, recitate, hanno portato beneficio. Ci sono molti riti di guarigione con mantra (come questo).

Come i risultati sono effettivi attraverso la visualizzazione

o la concentrazione meditativa (su qualche oggetto – dmigs pa) – se uno padroneggia i suoi venti e la sua mente, sarà in grado di controllare/trasformare tutti i costituenti elementari esterni e interni del corpo. In generale, quando ci si concentra su un oggetto, il potere del proprio lung e della propria mente si espande. Il lung produce dei risultati attraverso i movimenti dei venti sottili. Per esempio, dopo aver visualizzato una sillaba blu fiammeggiante HUNG nei punti di malessere del proprio corpo – nei quali ci si concentra sulla propria condizione, come se avesse la natura di erba-zolle, sporcizia ecc – e dopo aver recitato HUNG HUNG HUNG HUNG, si contempla che le proprie diverse affezioni bruciano e vengono distrutte. Nei testi tibetani dei Mantra Segreti si genera come il proprio yidam o divinità meditativa personale, e a partire da questo, si verificano molti stadi diversi di visualizzazione

Queste funzionano principalmente attraverso la concentrazione meditativa. La base di (questa) concentrazione meditativa sono le varie forme e luci (che si tengono o su cui ci si concentra) nel proprio corpo e, di conseguenza, questo è uno dei metodi più alti per generare e aumentare l’aspetto dell’essenza vitale dei costituenti elementari. Chiarificando le proprie visualizzazioni, richiamando la visione pura e mantenendo saldamente l’orgoglio (“divino”) si ripristina il potere della propria mente e quindi si portano in equilibrio i costituenti fondamentali/primari.

Quando (i pazienti) hanno curato le malattie attraverso la visualizzazione sono guariti, e i medici stranieri di oggi, hanno condotto ricerche e hanno verificato che quando (i pazienti) hanno praticato la concentrazione meditativa/visualizzazione, sono migliorati. Se uno ha meditato e praticato la visualizzazione, nelle sue cellule cerebrali avvengono vari cambiamenti che si possono vedere con i computer, che possono essere pensati come un aspetto della manifestazione del movimento dei venti sottili. Se una persona, dopo aver manifestato il suo rlung, si concentra sul corpo di un’altra persona, i risultati possono anche essere realizzati. Per esempio: quando un paziente ha una malattia allo stomaco, se un mantrin immagina che ci sia un piccolo buco nello stomaco del paziente, e se visualizza che il sangue, il pus e le impurità escano da esso, questo beneficia il paziente. Nella tradizione tantrica tibetana, se si fa il ‘pho ba‘ (powa) o la pratica del ‘transfert’ per qualcuno appena morto, appaiono i segni che (la coscienza) ha attraversato l’apertura di Brahma sulla corona della testa del defunto [questo di solito comporta la comparsa di piccoli fori, o sangue o altri fluidi che escono dal cranio del cadavere]. Il trattamento medico per mezzo della visualizzazione appare molto frequentemente tra le pratiche di guarigione con i mantra, e la sua efficacia benefica è qualcosa che può essere facilmente vista e sentita.

Come si ottengono risultati attraverso la devozione della mente e il potere della fiducia

poiché dei due, corpo e mente, la mente è più importante, i costituenti elementari del corpo e i disturbi degli umori possono essere guariti dal potere della mente. Guarire dalle malattie attraverso la fede e il credo è una realtà, e nel contesto della guarigione con i mantra, la fede e il credo [o tradotto diversamente ‘devozione e fiducia’] essendo stati stimolati nella mente, migliorano le malattie attraverso il potere dei venti sottili e della mente. In sintesi, i pazienti guariscono dalle loro stesse malattie come risultato della loro stessa mente. Dato che molte malattie appaiono come manifestazioni dannose a immagine e somiglianza di malattie demoniache mentali, la loro guarigione attraverso la credenza e la fede è ritenuta un metodo estremamente profondo.

Anche se, in qualsiasi contesto, con qualsiasi cosa – rituali tantrici, trattamenti e procedure mediche, o anche interventi chirurgici e così via – i pazienti hanno generato fede o grande fiducia dal profondo del loro cuore, ma non porta alcun beneficio a queste procedure, calmando i nervi del proprio cervello, il potere dei pensieri dei pazienti può ancora contribuire alla risoluzione delle malattie. Inoltre, i venti sottili sono condotti dal potere della mente e gli altri costituenti elementari sono bilanciati dalla forza del flusso dei venti. I sentimenti gioiosi, felici, la devozione, la fiducia la fede  e così via sono stati emotivi positivi (tshor snang bzang ba) e come tali equilibrano i costituenti elementali sottili e grossolani del corpo. Allo stesso modo, i sentimenti sgraditi (incitano) le provocazioni e le agitazioni che disturbano i venti, e allora (tutti) gli elementi, dal sottile al grossolano, si sbilanciano e si agitano. L’autentico ottenimento di risultati attraverso il potere della mente è quindi importante per ogni metodo contemporaneo di trattamento medico.

Quando si tratta di fare mantra healing per trattare le malattie degli altri, il modo in cui i risultati vengono effettuati in altre persone attraverso il flusso del respiro è simile a (le descrizioni precedenti). Il potere dei mantra entra nell’acqua e nelle medicine e le rende efficaci. I pazienti ascoltano il suono dei mantra recitati dai medici e dalla forza di questi sorgono i benefici. (Allo stesso modo), i poteri benefici del significato interiore e delle forme e dei segni dei disegni esoterici consacrati e così via sono stati acutamente comprovati”

FONTI:


  • Da ‘The Science of Dependent-Origination Mantra Healing’ (rten ‘brel sngags bcos rig pa), scritto da Nyida Heruka e Yeshe Drolma, 2015, mi rigs dpe skrun khang, pp. 36-52.
  • SITO WEB DEL DOTTOR BEN JOFF DA DOVE E’ STATO TRATTO LARTICOLO TRADOTTO DIRETTAMENTE DAL TIBETANO ALLA LINGUA INGLESE
  • Sull’autore dell’articolo – Leggi qui
  • Traduzione dalla lingua inglese alla lingua italiana, grafica ed editing Laura B.
  • Tutti i diritti sono riservati e protetti da copyright
  • Foto Ngakpas di Claudio Genghini. Nel villaggio degli yogi tibetani
  • Il presente sito i suoi contenuti, testi, documenti, marchi, loghi, immagini, grafica, la loro disposizione e i loro adattamenti sono coperti da copyright e sono protetti dalla legge sul Diritto d’Autore È fatto divieto di copiare, alterare, distribuire, pubblicare o utilizzare i contenuti del sito senza autorizzazione espressa scritta da parte dell’editore e amministratore del Blog i cui riferimenti sono in calce al presente Sito – sowarigpablog@gmail.com
Archivi
Categorie
Iscriviti al nostro BLOG

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post, articoli ed eventi segnalati.

Translate »
© TESTI PROTETTI - Non puoi copiare
error: Questi contenuti sono protetti | Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: