La Diagnosi in Medicina Tibetana Veterinaria

Dr.ssa Alice Regina Leorin

Dopo lo studio della medicina veterinaria e dell’agopuntura veterinaria, la scoperta e l’approfondimento della medicina Tibetana, ha arricchito il mio approccio terapeutico e semplificato il modo di effettuare la diagnosi.
La diagnosi in Medicina Tibetana, གསོ་བ་རིག་པ (tib. Sowa Rigpa) si avvale di tre approcci:
- Osservazione
- Palpazione
- Anamnesi

Quando si affronta la diagnosi su di un paziente animale, è necessario dotarsi di una grande empatia, di tempismo, e di spirito di osservazione. Tutto ciò per non perdere delle informazioni importanti durante la visita, ma soprattutto, per non spaventare l’animale, visto che è più semplice visitarlo, se si fida, e ci sta vicino liberamente. Un approccio di sicuro migliore, rispetto all'adozione di metodi coercitivi.

Osservazione
La diagnosi spesso si raggiunge grazie all'intervista, come primo passaggio e poi successivanente a osservazione e palpazione.
Questo accade perché il proprietario, ha l’esigenza di parlare del motivo per cui ha chiamato il veterinario, e in questo tempo dedicato all’ascolto del proprietario e all’identificazione di cause, sintomi e reazioni, il paziente-animale ha il tempo di rilassarsi. In questo frangente è più facile per il veterinario osservare ľanimale nel suo habitat, decifrarne la tipologia grazie al suo comportamento oltre che per l’aspetto e la sua stessa morfologia.
Con l’esperienza, l’ossevazione dell’animale avviene contemporaneamente all’anamnesi con il proprietario.
Si conduce un osservazione mirata della lingua, poi dei polpastrelli, per quanto riguarda i cani e i gatti, degli zoccoli, per il cavallo e gli ungulati in genere (sedi importanti di manifestazione di squilibrio). Si conduce infine un ispezione delle orecchie, nello specifico dei loro capillari in evidenza, e verificando la presenza di macchie alopeciche o fungine al loro interno.
La presenza in eccesso di alcune, o di tutte le caratteristiche dei tre umori, ཉེས་པ (tib. Nyepa Wyl. nyes pa) associabile a una situazione di squilibrio che può essere sintomatologica o patologica.
La presenza contemporanea dei caratteri distintivi dei tre umori é sentore di disordine energetico.
Attraverso ľosservazione della lingua (e quindi di colore, patina, intersezioni, tagli, solco centrale, tremori) si rileva lo stato degli organi pieni e dei tre nyepa prevalentemente a livello tipologico.

Palpazione
L'esame del polso è la parte più importante della visita.
Nei cavalli si rileva dalla vena giugulare destra o sinistra, o dalla vena mandibolare destra e sinistra.
Nei cani si rileva da quella femorale.
Dopo un periodo di allenamento (dipendente sia dalla sensibilità che dalla dedizione del medico) è possibile sentire il polso del paziente attraverso il proprio polso, sia destro che sinistro, e questo accade in pochi secondi, avvicinandosi e toccando l’animale.
Serve concentrazione, intenzione e pratica, perché è necessario conoscere molto bene il proprio polso, per sentire quando cambia nel momento in cui si sincronizza con quello del paziente. Una volta appreso il proprio, in pochi istanti si rileva il polso del paziente. Questo metodo viene chiamato "polso riferito".


Il parametro del polso è importante, perché si avverte lo scorrere del Vento omnipervasivo ཁྱབ་བྱེད་རླུང ( tib. whyle khyab byed rlung), connesso con la situazione energetica degli organi pieni vitali (cuore, polmoni, fegato, milza, reni) e cavi(intestino tenue, colon, vescica biliari, stomaco, vescica urinaria/genitali) e ne attesta lo stato di attività anche in rapporto alla stagione in cui viene rilevato..
L' ispezione del corpo (palpazione) rileverà la presenza o meno di cicatrici, edemi, stato e temperatura della pelle, presenza di zone turgide, capillari nelle orecchie, stato degli zoccoli nei cavalli o dei polpastrelli nei cani e gatti.

Osservazione dell'urina
L’urinoscopia per gli animali purtroppo è la più difficile. Spesso succede che dopo il trattamento, i cavalli urinino. In quel caso faccio raccogliere l’urina dopo la visita, che utilizzo come resoconto finale.
È difficile invece la raccolta, per quanto riguarda i cani, e i gatti. Nei casi gravi, si può fare con il catetere o con tanta pazienza del proprietario, che deve insegnare all’animale a non bloccarsi mentre urina, quando lui li si avvicina per raccoglierla.


Anamnesi
Per quanto riguarda ľanamnesi con gli animali, come dicevo in precedenza, è difficile che si svolga quale terza parte della visita, ma avviene in contemporanea all'osservazione. Quindi durante la spiegazione da parte del proprietario, ne approfitto per osservare l’animale all'interno del suo ambiente.
Il colloquio col proprietario, può portar ad ottenere informazioni essenziali sul regime alimentare sullo stile di vita, seguito dal paziente, la storia pregressa, la sua attività atletica, e lo stato emotivo.

CASISTICA

Dopo diverse esperienze sul campo, ho constatato spesso nei cavalli atleti, uno squilibrio dell'umore vento རླུང (tib. Lung), visto che conducono una vita stressante tra viaggi, allenamenti e gare. Inoltre la dieta di un cavallo atleta, è molto energetica e poco oleosa སྣུམ (tib.num).
In questi animali, la lingua si presenta appunto rossastra, asciutta e ruvida རྩུབ ( tib. tsub); il cavallo sbadiglia spesso, presenta dolori articolari, zoccoli duri e secchi, mentre il polso risulta gonfio e vuoto alla pressione.
Nei cani invece, ho spesso riscontrato sovrappeso, dovuto a una dieta sregolata e a scarsa attività fisica, rilevando quindi, una lingua pallida, morbida e umida. Il polso in questo caso si mostra profondo, debole e morbido, con un battito lento, e i polpastrelli alla palpazione, sono morbidi e lisci འཇམ (tib jam ) caratteristica di Flemma བད་ཀན ( tib. Beken) . In altri casi ho trovato i polpastrelli come il pelo, untuosi, dovuto in quel caso, alla presenza di un eccesso dell'umore Bile མཁྲིས་པ, (tib. Tripa Wyl. mkhris pa), provocato da dieta calda ཚ ( tib. tsa), grassa/oleosa e pesante ལྕི (tib. lci).

A fronte della riconosciuta tipologia energetica del paziente, della diagnosi e del triage d’intervento, decido la terapia opportuna, scegliendo tra un ampio spettro di terapie esterne, e di rimedi. Detto questo, non si prescinde mai dalla dieta e dallo stile di vita, che saranno corretti in funzione della diagnosi.
In generale i pazienti animali hanno dimostrato un’ottima risposta, soprattutto alla terapia esterna del HOR ME, la Moxa Mongola ཧོར་གྱི་མེ་བཙའ (tib. Whyl. hor gyi me btsa’ ), della MOXA, la moxibustione མེ་བཙའ་ ( tib me tsa - Whyl. me btsa’ ), come del TAR KA, il salasso གཏར་ག (tib. Whyl. gtar ga ) e del THUR CE, ľagopuntura tibetana ཐུར་དཔྱད། (tib. Whyl. Thur dpyad )

ALICE REGINA LEROIN

Quale docente all’università di veterinaria di Padova sarebbe importante, poter integrare la medicina Tibetana negli studi odierni presentati dalla facoltà, e poter svolgere anche qualche pubblicazione specifica in merito.
Nel frattempo spero di poter continuare la divulgazione di Sorig Animals ( sorig Animali) grazie anche al nuovo luogo dove mi sono trasferita, che ha la capacità di ospitare tanti animali e persone. Ringrazio questo lavoro appassionante e la Sowa Rigpa che mi permette di aiutare molte persone.

MEDICO VETERINARIO ,e agopuntore Equino, Alice regina Leroin è un veterinario freelance, un docente per attività pratiche presso l'Università Veterinaria di Padova, e un istruttore di cavalli presso la Federazione Italiana di Equitazione (FISE). Combina abilmente la conoscenza di Sowa Rigpa con la sua esperienza nel campo della fisioterapia terapia, massaggio, e crioterapia in medicina sportiva equina.

Lascia che il cibo sia la tua medicina

articolo della Dr.ssa Anastazja Holečko , traduzione da Sorig Journal

'Lascia che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo'

queste famose parole del padre della medicina occidentale, Ippocrate (460-370 aC) sono oggi ben conosciute in tutto il mondo. Allo stesso modo, Yuthok Yonten Gonpo (1126-1202 aC), padre di Sowa Rigpa o medicina tradizionale tibetana, dichiarò nel suo lavoro medico, che il cibo doveva essere usato come cura. Oggigiorno, esistono una moltitudine di diete diverse tra cui scegliere: dieta di cibi crudi, dieta vegetariana, dieta mediterranea, dieta a basso contenuto di grassi, dieta a basso contenuto di carboidrati, dieta vegana, dieta paleo o dieta chetogenica, solo per citarne alcuni.

Come si applica questo saggezza nella nostra vita quotidiana? Comparativamente, ogni dieta differisce in modo significativo e alcuni hanno anche punti di vista diametralmente opposti, il che si riduce in una grande confusione per la persona media. Quale dieta è davvero la migliore? Oppure poniamo la domanda in modo diverso: quale dieta è la migliore per me? Nella medicina occidentale, il valore del cibo è percepito attraverso il suo contenuto nutrizionale - calorie, proteine, carboidrati, grassi, minerali, vitamine e microelementi. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) distingue circa 200 tipi di disturbi causati dal cibo. Questi includono non solo carenze vitaminiche o intossicazioni alimentari, ma anche gravi patologie come diabete, malattie cardiovascolari e persino il cancro. Secondo l'OMS, il cancro è la causa numero due della mortalità; Il 60% dei tumori è causato da una dieta inadeguata e da uno stile di vita non sano, che include il fumo, l'insufficienza di attività fisica e l'obesità. Mentre la medicina occidentale adotta una visione prevalentemente più materialistica sulla nutrizione, il sistema medico tibetano si concentra sulle qualità e sui gusti del cibo. Ci sono numerosi fattori che decidono quale cibo, quando e come dovremmo mangiare per mantenere una buona salute. Secondo la teoria fondamentale di Sowa Rigpa, tutto è creato da Cinque elementi: spazio, vento, fuoco, acqua e terra.

Questi cinque elementi creano e sostengono i nostri corpi. Sono anche gli elementi costitutivi delle montagne del nostro pianeta, degli oceani, delle piante, degli animali e, in effetti, dell'intero universo. Quando mangiamo, beviamo e anche respiriamo, scambiamo costantemente gli Elementi nel nostro sistema, mantenendo uno stato di equilibrio dinamico. Quando gli elementi nel nostro corpo sono equilibrati, lo sono anche le nostre energie interiori, i cosiddetti Tre umori (nyes pa gsum), che derivano dai Cinque Elementi. Le cause primarie di tutte le malattie sono considerate le afflizioni mentali (cioè rabbia, attaccamento, confusione, ecc.), derivanti dall'ignoranza di base che è propria della natura della nostra mente. Pensa a loro come semi piantati nella mente. Le cause o le condizioni secondarie sono fattori che contribuiscono alla maturazione di questi semi. Yuthok Yonten Gonpo ha classificato queste condizioni in quattro gruppi: il tempo (le stagioni), le influenze negative – (provocazioni ) di organismi invisibili, la dieta e lo stile di vita. Mentre abbiamo poca o nessuna influenza sulle prime due stagioni e sulle provocazioni, le ultime due sono nelle nostre mani. Ogni giorno, anzi  molte volte al giorno, le nostre decisioni contribuiscono all'equilibrio o allo squilibrio del nostro corpo, energia e mente. Pertanto, le nostre azioni (e inattività) nella dieta e nello stile di vita possono essere sia le cause che la cura per le malattie.

i tre medro

Me dro Tradotto letteralmente come fuoco riscaldante, Medro (me drod) è un potere fondamentale che consente la digestione e l'assimilazione dei nutrienti. Il calore metabolico o il potere digestivo sono termini che appartengono alla stessa forza. La funzione di Me dro potrebbe essere paragonata al metabolismo corporeo relativo a ciascuna cellula del corpo. Quando il Me dro funziona correttamente, tutti i nutrienti sono ben decomposti, dividendo le parti pure da parti impure e quindi assorbite. Il Medro guida la trasformazione di ciascuno dei sette costituenti corporei (lus zungs) [nutrienti essenziali o chilo, sangue, muscoli, grasso, ossa, midollo e fluido rigenerativo] in modo che ciascuno dei tessuti sia sano ed equilibrato. Ciò significherebbe, inoltre, che le tre escrezioni (dri ma gsum) [sudore, urina e feci] sono in giusta quantità ed equilibrate. Il risultato dell'equilibrio a tutti i livelli è una buona salute e una lunga vita – i due fiori simbolici, raffigurati sull'Albero della salute e della malattia. Un calore calore metabolico debole  provoca indigestione (ma zhu pa), causando il malassorbimento degli elementi nutritivi e degli elementi nella prima fase, e di conseguenza causando  molte altre malattie. Come affermato nei Quattro Tantra medici (rgyud bzhi) "l'indigestione è la causa di tutti i disturbi interni", inclusi tumori, artriti e diversi stadi dell'edema. Un Medro forte è indispensabile per la buona salute e la prevenzione delle malattie, quindi cerca di  regolare  la tua dieta per supportarlo.

La funzione alimentare.
Le piante medicinali e alimentari hanno funzioni diverse, ma le funzioni principali si basano sul gusto e sulla potenza:

  • Gusto
  • Potenza
  • Colore
  • Forma
  • Parti della pianta

Funzione del gusto

 Tutti gli alimenti dietetici che mettiamo nella nostra bocca sono costituiti da Cinque elementi. Prodotti diversi hanno gusti e qualità diversi. In Sowa Rigpa, parliamo di sei gusti, ognuno dei quali è una manifestazione di due dei Cinque Elementi. Il gusto dolce, ad esempio, è in sostanza una combinazione di elementi di acqua e terra. Pertanto, il cibo dal sapore dolce aumenterà questi rispettivi elementi nel corpo, aumentando così l'umore di Beken (bad kan) o flemma e pacificando il Lung (rlung) o l'umore del vento. Il sapore acido (aspro) è una combinazione di elementi fuoco e terra, che lo rendono benefico per il rlung e non così buono per Tripa (mkhris pa) o per l'umore bile. Il gusto amaro è una combinazione di acqua e vento, quindi è un antidoto perfetto per l'eccesso di Tripa, avendo la bile una natura calda. Il gusto piccante (speziato) è composto da elementi di fuoco e vento, quindi una scelta eccellente per bilanciare la flemma che è  pesante e umida. In questo modo, un medico tibetano analizza tutti i gusti del cibo o delle erbe. Per rappresentare le connessioni tra i gusti e gli elementi, è possibile disegnare un mandala.

i gusti in relazione alla combinazione degli elementi

Funzione della  potenza

 Un'altra funzione importante del cibo e della materia medica è la sua potenza. Le otto potenze del cibo controbilanciano le caratteristiche dei tre umori. È particolarmente utilizzato nella composizione di formule erboristiche tibetane, ma è applicabile anche al cibo.

Funzione del colore.

Per ottenere un completo beneficio per la salute, dovremmo mangiare cibo colorato perché ognuno dei colori è collegato con gli elementi. I cibi naturalmente scuri, come le bacche o le melanzane, pacificano il lung ; i cibi bianchi, gialli e verdi sono benefici per Tripa; e le verdure verdi sono grandiose per Beken. A livello fisico, i colori della frutta e della verdura sono collegati al contenuto di varie vitamine, come il beta carotene, gli antiossidanti, gli enzimi e i fitonutrienti che sono tutti indispensabili per il nostro organismo.

Funzione della forma

Sulla base della teoria dell'interdipendenza (TENDREL), particolari forme di cibo sostengono gli organi di forma similare. Ad esempio, i fagioli "kidney” sono buoni per i reni, le noci supportano la salute del cervello e la noce moscata  beneficia il cuore, ecc.

Parte della pianta

 Le radici trattengono giù le piante, quindi sono pesanti e radicate, quindi  a loro volta bilanciano lung. Le verdure primaverili e i germogli hanno un'energia propulsiva, che risveglia e riequilibra Beken. Frutta e verdura che maturano durante l'autunno sono  raffreddanti, quindi, pacificano Tripa.

Che cos'è il cibo e osa che NON lo è

La Sowa Rigpa è un sistema di guarigione unico, testato nel tempo da migliaia di anni. Anche se si applicano i principi di base sopra menzionati, dobbiamo essere dotati di senso critico e adattarli alle nostre condizioni. Viviamo in un mondo che è cambiato radicalmente dal momento in cui sono stati scritti i Quattro Tantra medici. L'aria che respiriamo è molto più inquinata, la qualità dell'acqua che beviamo è cambiata e il cibo che mangiamo ha  molto poco in comune con quello che era considerato cibo nell'undicesimo secolo.

Siamo circondati da migliaia di prodotti che pretendono di essere commestibili. Tuttavia, molti di loro sono più composizioni chimiche del cibo e possono effettivamente danneggiarci. Il cibo raffinato e trasformato - così comune nella dieta dei paesi sviluppati - spesso non contiene i nutrienti di cui abbiamo bisogno per la vita, è così pieno di calorie, carboidrati e sostanze vuote che il nostro corpo non è adatto a digerire. Serve solo da cibo per la flora intestinale patogena, disturbando il microbiota intestinale naturale – ovvero quei batteri che vivono in simbiosi con noi. Duemilacinquecento anni fa, Buddha Shakyamuni disse nel  GARBHAVAKRANTISUTRA, il sutra della Discesa nell’Utero, che il nostro corpo è pieno di microrganismi (srin).

È stata condotta una ricerca approfondita che mostra che i microrganismi svolgono un ruolo importante nella nostra salute. Regolano le funzioni immunitarie, aiutano la digestione e ci proteggono dagli agenti patogeni. Questi microbioti dipendono dal cibo che mangiamo. Pertanto, se mangiamo molti carboidrati, glutine e alimenti trasformati, nutriamo i batteri patogeni, causando la cosiddetta SIBO - Sindrome della proliferazione batterica intestinale. La sua conseguenza è la sindrome dell'intestino gocciolante. Le sostanze che non dovrebbero mai raggiungere il flusso sanguigno, come particelle di cibo non digerito, metalli pesanti, tossine batteriche e conservanti del cibo, entrano nel sangue ed evocano una risposta immunitaria, a partire da allergie, intolleranze alimentari e persino disordini autoimmuni. Per molti decenni in Occidente era stata fortemente promossa una dieta povera di grassi.

Il grasso, in particolare le sue forme sature, è accusato di causare alti livelli di colesterolo, ipertensione, aterosclerosi e altre malattie cardiovascolari. È abbastanza contraddittorio dal punto di vista della medicina tibetana. Secondo i quattro Tantra: "Coloro che consumano regolarmente grasso godono di più calore interno del corpo, liberano da disturbi interni, sintetizzano istantaneamente i costituenti del corpo che si traduce in una migliore forza fisica e una carnagione più bella. Si dice che rafforzi gli organi sensoriali, arresti il processo di invecchiamento e prolunghi la vita. "Chi ha ragione? Se guardiamo alla società occidentale dall'introduzione di una dieta a basso contenuto di grassi, scopriamo che è diventata più ... grassa!

"Coloro che consumano regolarmente grasso godono di più calore interno del corpo, liberano da disturbi interni, sintetizzano istantaneamente i costituenti del corpo che si traduce in una migliore forza fisica e una carnagione più bella. Si dice che rafforzi gli organi sensoriali, arresti il processo di invecchiamento e prolunghi la vita. " (da i Gyu Shi)

Mangiare a basso contenuto di grassi ha portato a una dieta ricca di zuccheri e lo zucchero si trasforma in grasso. Il tasso di obesità e diabete negli Stati Uniti è aumentato di quasi 20 volte! In realtà abbiamo bisogno di grassi, non di zucchero. Il grasso costruisce ogni membrana cellulare nel nostro corpo, il nostro cervello, è una base di molti ormoni, tra cui ormoni sessuali e dello stress, così cruciali per le nostre vite. E paradossalmente, i grassi saturi sono più sicuri per noi, poiché non si ossidano e non diventano cancerogeni se riscaldati come invece succede con gli  oli vegetali. Prima di mettere qualcosa in bocca, controlla in cosa consiste. È principalmente zucchero, amidi geneticamente modificati, conservanti e esaltatori di sapidità? Leggi ed esamina come viene raccolto il cibo e come vengono allevati gli animali per soddisfare la domanda della nostra popolazione in continua crescita.
Gli animali che vivono nelle gabbie spesso non vedono la luce del giorno e sono nutriti con polveri artificiali, imbottiti di ormoni della crescita e antibiotici.

Gli animali che vivono nelle gabbie spesso non vedono la luce del giorno e sono nutriti con polveri artificiali, imbottiti di ormoni della crescita e antibiotici.

Questo influenza i loro corpi e, di conseguenza  il nostro corpo quando li mangiamo. La maggior parte delle piante raccolte su larga scala sono state irrorate con biocidi innumerevoli volte. L'ingestione di queste piante provoca l'accumulo di sostanze nocive nel corpo, che hanno dimostrato di avere effetti cancerogeni. Dal punto di vista della medicina tibetana, più il cibo è elaborato, e  meno energia vitale  dei cinque elementi  ha. È un cibo morto. Abbiamo bisogno di cibo vivo, pieno di essenza nutrizionale per prosperare. Grazie al potere del  Medro, questi nutrienti non solo costituiranno tutti i tessuti del nostro corpo, ma alla fine si trasformeranno in energia vitale essenziale (mdang mchog), dandovi salute, splendore, vitalità, una  mente positiva e gioia. Questi sono alcuni consigli generali che possono essere di  beneficio per tutti. Ovviamente, la Sowa rigpa  va molto più in profondità di questo, abbinando la dieta in considerazione di diverse patologie. Spero che troverai utili questi suggerimenti e adottando  la dieta  appropriata che più si adatta alla tua costituzione e ai tuoi bisogni.

Ti auguro una buona digestione in modo da poter godere appieno della salute ottimale del tuo corpo e della tua mente.

Bibliografia
1 ht: //www.who.int/dietp hvsicalactivitv / publications / trs916 /
Sumnma en
2 ht: //www.who.int/cancer/prevention/en//
3 Chenagtsang N, medicina Tibetana ( rep. Ceca) , 2014 tibetan Good Healt
4 Yuthok Yonten Gonpo, The Root Tantra e The Explanatory Tantra, Dharamsala Men-Tsee-Khang Publications, 2011.
5Kresses Ch, The Paleo Cure, Little, Brown and Company 2013
6Hartwig M, Hartwig D, begin with Food, Victory Belt Publish-2012
7 Hyman M, The Blood Sugar Solution, Little, Brown and Company
2012
www.cdc.gov/diabetes/statistics/slides/
long termtrends.pdf


Dr. Anastazja Holečko
è un medico, laureato presso l'Università Medica di a Lodz, in Polonia. Originaria di San Pietroburgo, Russia, vive e pratica Sowa Rigpa a Praga, in Repubblica Ceca. Ha studiato medicina tibetana con il dott. Nida Chenagtsang dal 2004. Autrice di vari articoli sulla medicina tibetana, è la direttrice del Journal of Traditional Tibetan Medicine, ora Sowa Rigpa Journal. Coordina anche il attività di SorigKhang International (SKY) in Repubblica Ceca ed è uno degli insegnanti SKY.

Articolo del Sorig Journal nr 1. - titolo Originale: Let Food Be Thy Medicine by Dr. Anastazja Holečko - Traduzione e grafiche a cura di Laura Bellandi

L’EQUILIBRIO, sul tetto del mondo

Nata in un paesaggio bellissimo ma spesso ostile, la Medicina del Paese delle Nevi ha dovuto far presto i conti con condizioni climatiche estreme ed esigenze di vita spesso faticose, che non permettono di lasciare fuori dalla sua analisi nessun dato, strutturando un complesso sistema che, con consapevolezza e lungimiranza, tiene conto di ogni valutazione ambientale e individuale, inserendo pienamente lo sviluppo della persona in un'ampia rete di interrelazioni ed interconnessioni, e accompagnandola in ogni momento della vita. In alcune regioni gli abitanti dell'altopiano sanno ancora bene cosa significa nascere in una tenda o Yurta magari con temperature impossibili, crescere sotto un cielo così vasto e vicino confrontandosi con l'altitudine, imparando a collaborare con una terra che solo con duro e paziente lavoro concede la sua fertilità.

È anche per questo che la Medicina Tibetana, e himalayana, non tralascia di indagare nessuno strumento: tiene conto delle tradizioni più antiche, che quasi si perdono nella leggenda, conservando con cura elementi autoctoni che ad un'analisi attuale paiono di una incredibile lungimiranza, ma è sempre aperta al confronto, studiando e incorporando elementi delle culture confinanti e non solo, come la Medicina Ayurvedica e Cinese, la Medicina Persiana, e, per suo tramite, anche la nostra Medicina Ippocratica, arrivando addirittura a istituire antichi Congressi medici in cui incontrarsi e confrontarsi. È veramente una medicina Olistica, che tiene conto, con una visione globale, di ogni fattore e interazione, lavorando prima di tutto sulla prevenzione e sul mantenimento della salute come un equilibrio ottimale.

Attraverso la trasposizione in Cinque Elementi - Spazio, Vento, Fuoco, Acqua e Terra - tutto viene analizzato e valutato: la specifica natura del corpo fin dalla sua formazione, l'ambiente in cui si colloca e lo stile di vita, il tempo stagionale e le età che attraversa, l'alimentazione, le attività, l'aspetto emotivo e psicologico, l'interazione sociale.

Per tutto il cammino della vita, dalla nascita alla morte, la Medicina Tibetana accompagna la persona nel suo sviluppo e nel suo percorso, favorendo un buon equilibrio del corpo e della mente.

Fin dal concepimento vengono analizzate le condizioni migliori per la gestazione e lo sviluppo del feto, fin dalla nascita è possibile identificare le caratteristiche e le migliori indicazioni per la crescita di quello specifico bambino, favorendo lo sviluppo del corpo e della mente seguendone la dieta, l'ambiente di vita, l'attività fisica, i rapporti sociali, la formazione del carattere e l'etica. Niente viene lasciato in secondo piano, tutto concorre alla formazione di un individuo stabile e in buona salute. Così anche nella quotidianità dell'adulto e nella piena maturità, in situazioni specifiche, come la ricerca della fertilità, o nell'ordinario susseguirsi delle stagioni, la medicina continuerà ad essere, più che un rimedio, una fedele e immancabile compagna di vita, volta a preservarne la qualità, l'equilibrio, la longevità, e, non ultimo, la felicità. Anche la terza età viene valutata con le sue specifiche caratteristiche, applicando accorgimenti e terapie esterne che permettano di vivere in pienezza non solo una lunga vita, ma una lunga vita sana, serena e soddisfacente.

  In questa attenta e precisa visone globale dell'individuo, ovviamente, non può mancare anche il sostegno e l'accompagnamento nel momento più difficile: con sincerità e delicatezza vengono affrontati anche la fine della vita e il trapasso, fornendo un valido supporto ben oltre i temi pratici della condizione fisica, offrendo strumenti preziosi nell'elaborazione dell'evento sia per l'individuo che per i suoi cari. Benché proveniente da una terra tanto lontana, non è difficile comprendere quanti benèfici suggerimenti questo approccio di vita possa offrire alla nostra stressante e frenetica quotidianità: riappropriarsi del corretto rapporto con il tempo e l'ambiente, imparare di nuovo ad ascoltare le esigenze del corpo e della mente, recuperare un concetto di salute come equilibrio e benessere e non solo come assenza di malattia, riappropriarsi, dunque, attraverso quest'antica tradizione, delle nostre stesse antiche tradizioni, di semplici strumenti di facile applicazione, di un ben-essere che ci accompagni davvero in ogni momento della vita.

La Sowa Rigpa è dalla parte dell’umanità, e a beneficio di tutti gli esseri.

Marie Corrao

Foto: Viaggio in Tibet - agosto 2017 credits LB.

Uno spazio di infinite opportunità

Report del Settimo Congresso Sowa Rigpa, dal sito Sorig Congress,  scriita da parte di Jens Tonnemann e Jacqueline Yu.
Tradotto e liberamente riadattato nella forma.

Segue il racconto  - nostrano informale  – quali inviati speciali dall’Italia.

Persone provenienti da tutto il mondo, si sono riuniti a Singapore, lo scorso 7 Marzo, per l’unico Congresso Internazionale sulla Sowa Rigpa. Il Sorig Congress che ha cadenza annuale, è sorto per creare insieme, con i membri della Sky family, uno spazio di infinite opportunità, tra approcci medici moderni e tradizionali, attraverso una cooperazione interdisciplinare e di scambio reciproco, al fine di sviluppare e condividere conoscenze ed esperienze, per il beneficio di tutti.

Il Dr. Nida Chenagtsang, l'eccezionale presidente onorario del Congresso, ha aperto questo spazio introducendo la Sowa Rigpa quale "Scienza della guarigione e felicità".

Il Congresso della Sowa Rigpa è il primo luogo in cui presentare, discutere, creare e informare sui nuovi sviluppi nel campo della Sowa Rigpa. Quest’anno il congresso è stato accolto nella moderna città stato di Singapore, avamposto strategico dell’Asia, di confluenza di varie culture, e discipline mediche e  di guarigione naturale.
Sorig Khang Singapore con il suo presidente Jacqueline Yu, e grazie ad uno straordinario e “digitalizzato Staff Team", ha raggiunto e stabilito un nuovo elevato record organizzativo di qualità, per questo raduno transculturale.

Con la presentazione dell'ultima edizione della rivista "Sowa Rigpa Journal", la dottoressa Anastazia Holecko, il nostro editore di Sorig Journal , il giornale legato alla fondazione,  ci ha invitato all' ottavo Congresso internazionale di Sowa Rigpa a Poznan , il prossimo aprile  2020, che sarà una completa  celebrazione dei 100 anni di pratica della Sowa Rigpa in Polonia.

I percorsi che conducono le formule erboristiche tibetane dal Tibet alla Svizzera hanno attraversato anche la Polonia e durante il Congresso abbiamo celebrato il 50 ° anniversario della  Padma Inc. insieme al Dr. Herbert Schwabl (CEO di Padma Inc.), che ci ha illustrato ancora una volta, il grande lavoro pionieristico del fondatore, l’informatore farmaceutico Karl Lutz, che ha dedicato la sua vita all’introduzione dei rimedi tibetani in Europa.Il Dr. Schwabl ci ha inoltre informato che dal gennaio 2019 in svizzera, è entrato in vigore l’emendamento del 2016 sulla legge degli agenti terapeutici, da parte del parlamento Svizzero. Quindi la Svizzera diviene il primo paese in Europa a dare lo status ufficiale ai medicinali a base di formule mediche asiatiche. Ora le medicine erboristiche tibetane, sono parte integrante del sistema farmaceutico svizzero nel campo della medicina complementare, e di conseguenza è stato fatto un passo enorme, per il riconoscimento della medicina erboristica tibetana in occidente.

Un altro momento clou durante il congresso,  è stato quello riguardante la firma al MoU  per l'International College of Sowa Rigpa a Kathmandu / Nepal, basato sul lavoro dell'eccezionale direttore di SKY Dr. Tam, attraverso gli stimati rappresentanti nepalesi Dr. Nyima Tsering (il pri-ncipale di Sorig College), Dr. Tenjing Dharke (il direttore del Sorig College) e Raj K. Shrestha (presidente di SKIN) insieme al Dott. Chenagtsang e altri membri dell'Advisory Board.

I giorni del Congresso hanno permesso di ispirare spunti di riflessione con un focus su un trasferimento pratico nel lavoro con i pazienti sotto  il motto di curare gli altri per curare te stesso: aspetti su l’auto-guarigione, la salute e la felicità dal punto di vista di diverse tradizioni mediche con un collegamento ai moderni approcci scientifici, un nuovo sistema di salute mentale in Sowa Rigpa fino a una dimostrazione pratica di salasso e di altre terapie esterne.
Sowa Rigpa con la sua apertura  ed esperienza collaudata nel tempo, in cooperazione e interdisciplinarietà,sembra essere la perfetta  disciplina in grado di costruire ponti comunicativi attraverso i sistemi medici, al fine di poter mantenere la salute e la felicità, nonostante lo stressante stile di vita odierno.

E’ stato stimolante, proprio a Singapore, la metropoli più verde al mondo, sperimentare e conoscere la varietà delle diverse trazioni curative locali,  attraverso le presentazioni degli esperti Varsha Santosh, Ajunta Anwari, Physician Chu IT e Jacqueline Yu, la nostra coordinatrice locale dell’evento.

Dopo che Laura Bellandi ha presentato uno sguardo al grande Congresso in stile “famiglia italiana” dell'anno scorso a Pisa, che è stato possibile solo attraverso la devozione di tante persone che hanno lavorato e collaborato insieme come un mandala, il Congresso di Singapore ha raggiunto il suo apice e verso una conclusione meravigliosa: la distruzione altamente cerimoniale del mandala di sabbia a simboleggiare l’impermanenza,  l'effimero della vita e del mondo: un momento potente di unione e connessione.

Saluti più sentiti a nome dell'unico Congresso Internazionale annuale di Sowa Rigpa,

J & J (Jacqueline Yu e Jens Tönnemann) - Congresso 2019 Singapore -7th Sorig Congress / Singapore 2019 - uno spazio di opportunità infinite

Report italico . From Italy, with Love

Lo scorso "cinque" marzo, siamo partiti in "cinque" dall'Italia verso Singapore, per partecipare all’annuale Congresso Internazionale sulla Sowa Rigpa, promossa dalla Fondazione internazionale, Sorig Khang International per la preservazione e la diffusione della medicina tibetana e himalayana.

Dopo quasi un anno dall’evento che abbiamo organizzato in Italia, a Pisa, partire per Singapore è stata una “opportunità” meravigliosa, tutta da scoprire.

Singapore. Singapore è un'isola città-stato a sud della Malesia, centro finanziario globale con clima equatoriale e popolazione multietnica, molto verde e allo stesso tempo proiettata nel futuro. E’ la metropoli più verde al mondo, e lo posso testimoniare.

Secondo la leggenda, il principe di Sumatra, Sang Nila Utama, sbarcò sull'isola nel tredicesimo secolo inseguendo una strana creatura che pensava fosse un leone e decise di fondare una città chiamata Singapura che in sanscrito significa Città del Leone. Sfortunatamente non ci sono mai stati leoni a Singapore e nelle vicinanze, nemmeno in Malesia, quindi la bestia leggendaria doveva essere una tigre o un cinghiale selvatico. Altre fonti storiche indicano che l'isola venne colonizzata almeno due secoli prima ed era conosciuta con il nome di Temasek, in giavanese "Città del Mare", un importante porto per il regno Srivijaya di Sumatra. Srivijaya cadde attorno al 1400 e Temasek scomparve nell'oblio.

In omaggio a Singapore alla storia della sua nascita e al congresso, un’artista locale ha disegnato una simpatica mascotte che appariva nel retro del  badge di riconoscimento, che ci ha accompagnato per tutto il congresso. Abbiamo scoperto alla fine, chi avesse ispirato tale disegno. Trovate le differenze.😉

Singapore si presenta così come è: clima equatoriale, moderna efficiente e dinamica, attenta alla biodiversità e alla tutela stessa del suo ecosistema con attenzione ad un architettura ecologica ed eco-sostenibile. Singapore è la città asiatica più attenta dal punto di vista ambientale.

La città è dotata di un sistema per la raccolta delle acque piovane e per il loro riutilizzo. È possibile anche disporre dell’acqua marina dopo la sua desalinizzazione. Per quanto riguarda l’accumulo dell’energia che viene dal sole, a Singapore c’è un bosco che svolge proprio questa funzione. Sono i Supertree Grove gli alberi fotovoltaici alti fino a 50 metri che portano sulle foglie i pannelli per trasformare i raggi del sole in una risorsa.

Sin dall’arrivo dentro al suo famoso aeroporto - Changi international Airport , la presenza e la cura nei dettagli mi è apparsa subito chiara. Niente è lasciato al caso,  ogni cosa è studiata e resa più efficiente e confortevole, rispettando l'armonia nel suo complesso. Si può senza dubbio annoverare tra gli aeroporti più belli al mondo, impeccabile per la pulizia, scenico con le vasche delle carpe KOI, l’arredo colorato (come i cinque elementi), la moquette che veste tutti e quattro i terminal, e il tripudio di fiori tropicali e di alberi veri, che si innalzano in ogni angolo relax: è un vero e proprio giardino con dentro l’aeroporto!

E’ una città nuova, giovane (ha compiuto 200 anni nel 2019), rispetto a quelle europee, ma è viva e innovativa,

In questo contesto, inaspettato per quanto mi riguarda, ci aggiriamo per le strade di Singapore, in attesa del congresso, scovando angoli caratteristici che si rivestono di luci arcobaleno che si riflettono nelle acque della baia "Marina Bay", e ritrovando vecchi e nuovi amici, che come noi hanno attraversato mezzo mondo, per trovarsi qui, a quella che  è diventata la "riunione di famiglia annuale", che indossa le vesti del Congresso Internazionale della Sowa Rigpa.

Il giorno prima del nostro arrivo è stato organizzato il Teacher training , per insegnanti di Ne Jang, lo yoga tibetano medico, guidato dal Root Teacher, (insegnante radice) il dr Nida Chenagtsang. Il giorno seguente, abbiamo visitato la sede di Sorig khang Singapore, che si trova poco distante dal centro dietro l’affascinante orto botanico:  un luogo delizioso sopra un  bar dal nome italiano,  che sa tanto di casa  nostra: -"Jacqueline sei sicura di non avere origini italiane??!” - è la frase che ho ripetuto spesso, scherzando, a Jacqueline Yu, padrona di casa e presidente di Sorig khang Singapore e quindi organizzatrice locale del congresso.

Qualche scambio di idee, tra i vari organizzatori dei vari paesi, vecchi e nuovi, un po’ di pratica insieme, e poi di nuovo in giro, prima dell’apertura tradizionale del congresso, con il concerto inaugurale di Drukmo Gyal, e di una gradita ospite questa volta: la cantante Buthanese Phubzam.

Splendide, senza tempo, la musica e i mantra oltre a calmare l'eccitazione, ci ha trasportato verso  mondi interiori dalle cime innevate, aiutandoci a dissipare gli effetti diabolici del jet lag, molto sottovalutati sin dall’inizio dal gruppo europeo.

L’organizzazione di Sky Singapore è ammirevole. Grazie anche all’utilizzo di una tecnologia più evoluta, (che personalmente ho invidiato), le operazioni di registrazione iniziale sono state veloci ed immediate, senza tempi di attesa per i congressisti. Il giorno 7 marzo l’apertura del congresso è stata incantevole, grazie allo staff composto da studentesse e volontarie, che hanno intonato la preghiera di Bodhicitta, sottolineando a mio avviso come dovrebbe essere, la finalità del congresso, della medicina tibetana e lo scopo ultimo per tutti: l’importanza di non ritenersi importanti. La compassione è per tutti, poiché tutto è a beneficio di tutti gli esseri senzienti. Ecco che si apre il congresso-ritrovo della Scienza della Guarigione e della Felicità, quest’anno nella giovane Singapore al Suntec Convention and exhibition centre.

Uniti attraverso la diversità, come cultura, lingua, indole, cammini di provenienza diversa e multi-sfaccettata , ecco che tutti, gli studiosi, i medici, i professionisti, gli studenti e i ricercatori, legati dal comune interesse per la Sowarigpa, si ri-trovano. E' strabiliante questa forza amorevole, per questa scienza antica, che ci smuove dagli angoli della nostra comfort-zone locale,  per ritrovarci a parlare discutere con tolleranza e compassione, al fine di per promuovere la Scienza della Guarigione Sowa Rigpa e la tradizione spirituale dello Yuthok Nyingthig.

L’apertura del congresso, come da tradizione, spetta alla punta di diamante della squadra, il dr Nida, che insieme a noi, ha ripercorso il significativo approccio della Sowa Rigpa, alla condizione ordinaria umana di ogni giorno:

Non ci dimentichiamo mai del nostro stress, ma ci dimentichiamo  di apprezzare la vita in ogni momento. Dovremmo immaginare la felicità in ogni istante

dr. Nida Chenagtsang

Il vero Guru è la nostra stessa vita, che ci insegna ogni giorno.  Perché ogni giorno della nostra vita è un capitolo di insegnamento e di esperienza. Le esperienze positive rendono la vita bella, le esperienze negative portano buone lezioni  (positive experince bring us a good life, negative one bring us good lesson) La nostra scelta sta nel vivere ogni momento con significato e assoluta consapevolezza.

I giorni del Congresso hanno permesso di ispirare, portare nuove intuizioni specialmente sul lavoro pratico con i pazienti, senza tralasciare quelli che sono aspetti vitali, quali l’auto cura e auto -guarigione, poiché per curare gli altri, è necessario che ci prendiamo in primo luogo cura di noi stessi. La salute e la felicità, passano anche attraverso la scoperta dei legami esistenti, tra le diverse tradizioni mediche antiche, quali radici da riscoprire e dalle quali trarre nutrimento, con un collegamento con la visione moderna  dall’approccio scientifico e un nuovo modo di riconsiderare la cura mentale, secondo la Scienza della Sowa Rigpa.

Per sperimentare la varietà delle diverse tradizioni curative locali a Singapore, esperti come dr.Varsha Santosh, Ajunta Anwari, dr.Chu I Ta attraverso la loro conoscenza autorevole ed esperienza, ci hanno condotto attraverso l’approccio delle altre scienze mediche "asiatiche", quali la medicina cinese, quella ayurvedica e quella indigena – indonesiana, una medicina erboristica che  si chiama  JAMU.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

 Veloce riepilogo dei relatori e degli argomenti trattati:

il dr. Machik dall' Amdo, che ci ha illustrato il potere della balneoterapia (LUM) e dei 5 nettari.

Dr .Sonam Pelmo che ha parlato di “indigestione e del suo trattamento”  da un punto di vista della Sowa-rigpa

Ani Rinzin Lhamo una monaca Buddista, che ha completato gli studi in medicina tibetana  che ci ha spiegato le origini della Sowa Rigpa in Buthan, suo paese di origine, e  del suo lavoro   in ospedale nel dipartimento di medicina tradizionale a Timphu

Il dr. Tenjing Gurung quale amministratore del Phende Himalayan sorig Centre a kathmandu e  direttore del Sowa Rigpa international College. La sua famiglia ha un forte lignaggio dentro la sowa rigpa da almeno 5 generazioni . Il dr Teijing ci ha illustrato la terapie del salasso, secondo la concezione medica tibetana.

Il dr Schwabel, portavoce, e membro di Padma, l’azienda svizzera impegnata nella produzione di formule tibetane.

Ancora il dr. Nyima Tsering direttore medico di Kunphen  (centro medico tibetano ) e preside del College a Khatmandu, (Sorig College)  ci ha illustrato la stretta relazione tra corpo e mente secondo la visione della Sowa Rigpa

Il Dr. Chu I Ta membro del consiglio della medicina cinese a Singapore, ha illustrato i principi della connessione dei 5 elementi con le 7 emozioni, secondo la visione medica cinese

il dr.Varsha Santoshos esperta di medicina Ayurvedica, ci ha condotto nei meandri della saggezza vedica che conduce alla felicità-

dr. Florian Ploberger che ci ha spiegato la sua avventura filologica, nell’opera di traduzione dei Gyu Shi nel 21 secolo per gli occidentali

Patrice Richard che ci ha parlato delle analisi delle urine, un metodo antico per un mondo moderno

il fisioterapista polacco Marian Majchrzycki – ci ha condotto in un interessante approccio naturale verso i pazienti attraverso la combinazione dell'osteopatia e la Sowa Rigpa

Ajuntha anwari – il cibo quale medicina, e una panoramica, interessante sulla erboristeria asiatica e la medicina Jamu.

il dr. Andreas Reimers , psichiatra, dalla Germania, ci ha parlato della salute mentale in correlazione alla Sowa Rigpa,.

Christiana Polites, ci ha parlato di Pure Land Farms e dei numerosi progetti in essere in America, per la diffusione della Sowa Rigpa, come di Sky Press, la casa editrice legata alla fondazione.

Ed infine la sottoscritta con: Dall’italia con amore, che ha riportato con un sorriso,  le difficoltà, gli ostacoli, gli stimoli che si nascondono dietro  gli sforzi entusiastici necessari, per coordinare un congresso e portare avanti l’opera di  diffusione dell' autentica Sowa Rigpa,  nonostante tutto, al di là degli interessi e obiettivi personali, verso un traguardo comune e in unione, per il beneficio di tutti gli esseri.

Questo è quanto.

La nostra avventura a Singapore, dopo tre giorni pieni volge al termine. Per alcuni di noi il viaggio finisce, per altri continua verso l’incantevole isola degli Dei, Bali, dove ci attende un ritiro con il dr. Nida Chenagtsang per "trasformare la mente". Ma questa è un'altra storia.

Ad Maiora semper

Laura Bellandi

FOTO: foto di Laura Bellandi, A.Salvato, e Sky Singapore. Le foto di Singapore Notturna con Gardens by the Bay, e Marina Bay Sands, sono di gentile concessione di Pei Yun Cheng

Karmamudra – il sentiero che porta alla Beatitudine

Come è già stato scritto nello speciale del congresso a Pisa  ( debutti importanti leggi qui), che si è svolto lo scorso Aprile, il Dr. Nida Chenagtsang ha presentato in anteprima il suo nuovo libro  “Karmamudra – lo Yoga della Beatitudine”- La sessualità nella Medicina Tibetana e nel Buddismo 

Una sorpresa inaspettata. Ricordo che era fine marzo 2018 e mi trovavo a Pomaia per un corso di medicina con il dr.Machik, quando ricevetti di notte un messaggio da Christiana Polites, che mi annunciava con grande entusiasmo che per il congresso sarebbe uscito il nuovo libro sulla Karmamudra, e che il dr.Nida lo avrebbe presentato in anteprima, proprio al congresso!

Dato l’eccezionale evento, convenimmo di fare qualche ritocco al programma in essere, sia del congresso, sia degli insegnamenti che si sarebbero tenuti dopo,  al Parco di San Rossore per la durata di cinque giorni. L’insegnamento della Karmamudra con la presentazione del libro andò quindi a sostituire il corso sulla Powa, in programma da mesi. La risposta di questo cambiamento repentino, fu accolta con entusiasmo dagli iscritti, e nessuno si è lamentato o ha ritirato l’iscrizione. La presentazione del libro è stata un successo, e tutte le copie inviate da Christiana Polites (Presidente di Skypress – la Casa Editrice legata alla Ski, ) sono andate sold out in poche ore, addirittura prima del giorno del lancio ufficiale e del corso (28 aprile). Perfino la sottoscritta e tutto il mio staff, impegnato a lavoro, non è riuscito ad ottenere una copia, e  siamo rimaste a bocca asciutta, per così dire.

Il Libro è di elegante fattura e di alta qualità tipografica ed editoriale, la copertina del libro è accattivante, presenta una illustrazione semplice di due figure,  yogi e yogini in  "volo" in abbraccio Yab-Yum, sullo sfondo di cielo color sabbia tendente al rosa cipria delicato. Molto femminile ,oserei dire La copertina del libro edito da Skypress.

Dal sito skypress leggiamo:

 "Karmamudra si riferisce all'antica pratica buddhista dello yoga sessuale di coppia. Conosciuto anche come "Il sentiero dei mezzi abili" o "Il sentiero della grande beatitudine", Karmamudra utilizza potenti tecniche di meditazione per trasformare il piacere ordinario, il desiderio mondano e l'orgasmo in veicoli per la trasformazione spirituale e la liberazione. In questo libro innovativo, il dr.  Nida Chenagtsang attinge al suo ampio addestramento sia in medicina che negli yogatibetani per chiarire i principali fraintendimenti relativi al Tantra buddista tibetano in generale ed in particolare alle pratiche di yoga sessuale buddista tibetano. Demistificando lo yoga sessuale senza deprecarlo, il dott. Nida offre una panoramica della relazione tra gli orientamenti Sutra e Tantrici nel buddismo tibetano, offre spiegazioni dei voti tantrici, iniziazioni e un'anatomia sottile ed esplora idee biomediche e tibetane tradizionali sulla salute sessuale e sul  benessere.

Parlando in uno stile colloquiale come medico, insegnante, yogi e genitore, affronta le questioni di abuso sessuale, benessere ed impoteramento  in un modo sapiente, concreto e compassionevole. Con l'obiettivo di informare e potenziare, questo libro offre un contesto vitale e istruzioni attraverso le quali i principianti e gli studenti avanzati di qualsiasi genere o orientamento sessuale, possono imparare ad affrontare le emozioni tipicamente distruttive e distrattive in modo abile. Attingendo a insegnamenti speciali di Karmamudra che si trovano nella tradizione di Yuthok Nyingthig e mirando ai praticanti senza alcun precedente addestramento nello yoga tantrico, offre metodi sicuri e semplici attraverso i quali gli studenti possono lavorare con l'energia grezza del loro desiderio e trasformarlo in una fonte di beatitudine e che giova alla loro vita quotidiana.

La sua scrittura colloquiale,  semplice ed immediata, stabilisce subito un rapporto con il lettore, e dimostra una ricerca intensa e sapiente, e la necessità di parlare ad un pubblico insieme popolare e colto.  D’altronde rispecchia le sue doti di grande comunicatore, che chi  ha partecipato ad una delle sue lezioni, ha saputo apprezzare: quello stile unico, spontaneo  gentile e chiaro, capace far comprendere   anche argomenti complessi.

 Il Dr. Nida è profondamente impegnato a rendere accessibile il Buddismo Tantrico ad un pubblico ampio, anche non-buddista, e allo stesso tempo i suoi insegnamenti come le sue pubblicazioni chiariscono quei dubbi, quelle mistificazioni o fraintendimenti  presenti nelle convinzioni di molti praticanti occidentali.

E’ proprio per questo, che ha deciso di scrivere il libro, e come afferma nella sua intervista di Lyudmila Klasanova per Buddhistdoor,  tradotta su questo blog:

“La mia motivazione principale nello scrivere questo libro è stata quella di chiarire la confusione e il primo capitolo affronta direttamente tutti i fraintendimenti comuni.”

Il Dr. Nida spiega la pratica della Karmamudra, secondo la tradizione dello Yuthok Nyingthik , la pratica spirituale della medicina tibetana, così come è stato insegnata da Yuthok Yonten Gonpo, padre della Medicina Tibetana.

Nella seconda intervista rilasciata al magazine online https://www.buddhistdoor.net che trovate tradotto integralmente qui – Il Dr. Nida fa luce su uno dei più grossi fraintendimenti esistenti in occidente : il Tantra.

Spesso la parola Tantra confonde questo termine appunto con la parola sesso. Niente di più sbagliato.  Riportando fedelmente le sue parole sempre da un altra intervista  al dr. Nida, di Lyudmila Klasanova (che trovate qui):

“Il Tantra riguarda l'autentico addestramento spirituale; riguarda tutti gli aspetti della nostra esperienza di vita umana, di cui il sesso è solo una parte.

Nella tradizione buddista tibetana, abbiamo molti diversi tipi di pratiche che ci aiutano a lavorare con tutti i diversi aspetti del nostro enorme processo di vita dinamico. Ad esempio, ci sono i Sei Yoga di Naropa, che riguardano il nostro stato di veglia, lo stato di sonno e la nostra esperienza di morte. Ci sono così tanti tipi diversi di persone, ognuna con differenti personalità e abitudini: ad esempio, ad esempio, piace molto dormire o sognatori vividi, quindi per loro è bene concentrarsi su Clear Light Yoga (per il sonno profondo) o Dream Yoga. Altri hanno profonde paure riguardo il processo della morte e l'aldilà, quindi dovrebbero allenarsi nelle pratiche di morte del Bardo (lo stato intermedio) e del Phowa (trasferimento della coscienza) Yogas. Allo stesso modo, il Karmamudra è la pratica perfetta per le persone che non sanno come gestire o lavorare correttamente con il loro desiderio e la loro energia sessuale, in modo che questa potente forza possa essere trasformata e diventare benefica piuttosto che distruttiva. Le pratiche Vajrayana sono progettate per rispondere a diversi bisogni nella vita; non è richiesto che tutti praticano il sesso tantrico.”

Per comprendere meglio cosa significa Buddhismo Tantrico o Vajarayana, prendo in prestito le parole di Ben Joffe, uno degli editori e  traduttori del Dr Nida in lingua inglese,  che spiega  perfettamente cosa è la via della trasformazione in un articolo del suo Blog :

Il Buddhismo tantrico o Vajrayana, il "veicolo indistruttibile, non duale", si avvale di tali approcci all'interno della più ampia cornice morale e cosmologica del Buddhismo Mahayana. Qui i potenti metodi tantrici trasformativi permettono l'attualizzazione della cosiddetta aspirazione del Bodhisattva per raggiungere la Buddità - per "risvegliarsi" e liberarsi dalla sofferenza per aiutare gli altri esseri a fare lo stesso, con velocità e precisione fulminee. [* Si dice che il Tantra abbia una promessa soteriologica unica. Mentre altri veicoli del Buddismo insistono sul fatto che occorrono eoni di rinascita che accumulano merito e saggezza per raggiungere la Buddità, il percorso tantrico presenta la possibilità di illuminazione entro una vita umana, dentro e attraverso un singolo corpo umano.]

Mentre gli approcci Sutrici sono essoterici[1] e tendono ad enfatizzare la scolastica e il monachesimo celibe, il sentiero esoterico [2] del Tantra enfatizza la realizzazione diretta e gnostica attraverso la pratica meditativa e lascia spazio ad un attento impegno con la sessualità e altri elementi apparentemente inquinanti, distrattivi o compromettenti della vita mondana che Sutrici monaci orientati sono vincolati da giuramenti da evitare. Un modo per capire la logica di ciò è con un'analogia spesso usata dagli insegnanti tibetani per distinguere Sutrico contro gli orientamenti tantrici (do e ngak in Tibetano, rispettivamente): quando un'erba velenosa di emozioni afflittive - rabbia, odio, lussuria, orgoglio, ignoranza ecc. - germoglia rapidamente dal terreno della nostra mente, l'approccio Sutrico ci dice che dovremmo sradicarlo completamente e rapidamente, che dovremmo estrarlo e discolparlo del tutto. Una volta sradicato in questo modo, dovremmo quindi piantare il seme di un diverso tipo di pianta al suo posto. Avendo eliminato le emozioni distrattive e dannose, dovremmo invece coltivare la stabilità mentale, la pace, la chiarezza, la virtù e la compassione. Questo è il motivo per cui il percorso Sutrico è chiamato il percorso di "rifiuto, rinuncia, eliminazione, ritorno o inversione" (dok lam).


Il tantra prende una virata diversa. Riconosce anche che le piante velenose sono potenzialmente letali, e si preoccupa anche di produrre stabilità, chiarezza, compassione e virtù. Tuttavia, mentre l'orientamento Sutrico vede nelle erbacce velenose solo perturbazioni, inquinamento e problemi, l'approccio tantrico vede opportunità. Il tantra è un percorso medico o alchemico. Proprio come un chimico può coltivare con cura e strategicamente erbe tossiche per trasformarle in potenti medicine a patto che siano intelligenti, attente e in possesso di un laboratorio e il necessario know-how tecnico, gli yogi tantrici e gli yogini possono fare un uso benefico dei principi attivi dei loro veleni mentali umani. Raffinando chimicamente il loro desiderio, rabbia, ignoranza, orgoglio e invidia, possono distillare qualcosa di positivo e benefico da ciò che altrimenti potrebbe affliggerli o metterli in pericolo. È per questa ragione che il sentiero tantrico è noto come il sentierodella trasformazione o della trasmutazione (gyur / jyur lam). È questo approccio ingegnoso e farmacologico che il Nida Chenagtsang spiega con tale rara intuizione e chiarezza in questo libro.

Se volete approfondire la ricerca di Ben Joffe, (che è un ricercatore esperto, e un candidato di dottorato in antropologia culturale attualmente residente all'Università del Colorado e sono interessato alla globalizzazione delle religioni esoteriche) vi invito a leggere il suo Blog https://perfumedskull.com/

Questo Libro puo’ essere un valido aiuto, ed uno strumento abile e prezioso  ai tempi moderni e alle nuove generazioni. Infatti non è solo un libro che parla di Yuthok Nyingthig e della spiritualità, ma anche di benessere salute e  della sessualità affrontandola da un punto di vista medico,  e da quale esperto dottore della  Sowa Rigpa e Yogi non poteva che parlare della sessualità da entrambe le prospettive, quella spirituale e  quella medica:

"Nella medicina tibetana, parliamo di diversi stili di vita, uno dei quali è lo stile di vita "di routine", che si riferisce al nostro comportamento quotidiano. La medicina tibetana non suggerisce che la sessualità sia l'unico o l'aspetto più importante della nostra vita, ma riconosce che la sessualità è una parte naturale della vita per i laici. I testi medici tradizionali descrivono anche particolari tipi di problemi di salute che possono sorgere per i monaci, che non praticano alcuna attività sessuale. La sessualità è quindi considerata molto importante, sia nella prevenzione delle malattie che nel trattamento di alcuni tipi di malattie." (dr. Nida – intervista Buddhistdoor)

Sfogliando il libro un particolare importante nell'incipit mi ha colpito e che trovo lodevole oltre che commovente,  è la dedica che il Dr. Nida fa:


“Vorrei dedicare questo libro a tutte le vittime di abusi sessuali e in particolare a coloro che sono stati abusati in nome della tradizione spirituale e religiosa. Possa il dolore e la sofferenza causati dagli abusi sessuali cessare rapidamente in ogni angolo di questa terra”

E in tempi come questi direi che ce lo auspichiamo tutti.

Possa lo Yuthok Nyinghtig, e la Sowa Rigpa  e il libro del Dr. Nida Chenagtsang  diffondersi nello spazio e beneficiare tutti gli esseri senzienti.

Il nostro compito ed impegno  nel nostro piccolo, sarà quello di attivare, coadiuvare, sostenere, l’uscita in Italia del libro in lingua italiana nel più breve tempo possibile .

Laura B.


Note:
1
essoterismo
essoterismo s. m. [der. di essoterico]. – Carattere essoterico: essoterismo di una dottrina, di un insegnamento.
ESSOTERICO In genere detto di una dottrina o di una prassi religiosa che può essere conosciuta anche dai profani; più in particolare di quella parte dell’insegnamento, nelle antiche scuole filosofiche, a cui era ammesso un pubblico più largo, contrapposto a esoterico.
2
eṡoterismo
dal greco ἐσώτερος "interno", ed ἐξωτερος "esterno" s. m. [der. di esoterico]. 
ESOTERICO: l’esoterismo di una dottrina, degli antichi misteri. Più particolarm., norma religiosa che vieta di rivelare, a chi non sia iniziato, certe parti segrete di un rito o di una dottrina religiosa.
in ambito filosofico e religioso, si dicono e le dottrine e gli insegnamenti segreti, che non devono essere divulgati perché destinati a pochi.

FONTI:
SKYPRESS: http://www.skypressbooks.com/karmamudra/
Lyudmila Klasanova -Buddhistdoor Global -
Demystifying the Yoga of Bliss: An Interview with Dr. Nida Chenagtsang, Part One

Ben Joffe - https://perfumedskull.com https://perfumedskull.com/2018/04/01/the-yoga-of-bliss-a-foreword-to-dr-nida-chenagtsangs-new-book-on-tibetan-buddhist-sexual-yoga/#more-6996

Vivere Sowa Rigpa : journey through the change

Fervono i preparativi per il Congresso Internazionale che prenderà il via il 20 aprile,  (19 aprile sera con cerimonia di apertura ) nella ridente città di Pisa, sotto il sole splendente della dolce terra Toscana. E non c'era forse cornice migliore per questo Sesto Congresso, che, dopo un lungo lavoro di ampliamento, diffusione ed espansione si apre all'incontro da ben quaranta diversi paesi per condividere, comunicare, con Sowa Rigpa. Ed è di questo che si parla: come può ciascuno di noi vivere davvero l'esperienza della Sowa Rigpa? Partecipare a questo Congresso è come ricomporre un grande Mandala, far confluire così tanti affluenti in un unico fiume, poter sentire pienamente l'o rigine degli insegnamenti della Sowa  Rigpa e riconoscere di farne parte, comprendere i benefici che ciascuno può ricevere, e vedere il panorama di un progetto più grande, vedere che ciascuno di noi può contribuire a sostenerlo personalmente.   Salute e Felicità: un Congresso per apprendere e comprendere, ma è soprattutto una splendida riunione di famiglia.

"There are no strangers here, only friends you haven't yet met".

"Qui non ci sono estranei, solo amici che non hai ancora incontrato".

William Butler Yeats

Dal video di Drukmo: "Il congresso di quest'anno è veramente unico. Tornerà indietro alle sue stesse radici, all'inizio di tutto... l'origine del Lignaggio. Il nostro eccezionale Direttore e Maestro, il Dr. Nida Chenagtsang, sarà al centro di un processo di grande ispirazione, che spinge a condividere la conoscenza al di là degli interessi nazionali o individuali: Sotto il motto "Vivere Sowa Rigpa" vogliamo presentare la Sowa Rigpa come la "scienza della salute e della felicità". Il Dr. Nida ha chiesto a tutti noi "per far crescere il nostro lavoro io sinceramente vi chiedo di cooperare e comunicare nel migliore dei modi... La fiducia reciproca e il rispetto sono così importanti per la nostra Famiglia. Io desidero che ciascuno possa esprimere al meglio i sui talenti per aiutare la Famiglia a crescere e divenire più forte... Parliamone al Congresso!" "Siamo tutti un'unica famiglia". Questo Congresso mostrerà proprio le persone, tutti coloro che ci sono dietro la famiglia SKI: dalla prima generazione fino ad oggi. Così tanti talenti, una così grande diversità, così tanti molteplici approcci: l'unità nella diversità. Questo Congresso presenterà le eccellenti novità nel campo della Sowa Rigpa: grandi progetti in ogni parte del mondo, dalla ricerca alla conoscenza, dall'insegnamento alla miglior qualità possibile di lavoro con i pazienti, dal girovagare nomade al rientro a casa, dagli splendidi risultati ai momenti di fallimento, anche, e come andare al di là di tutti gli ostacoli. Questo congresso ci invita ad esplorare e fare esperienza della forza e della fluidità della cooperazione e del lavoro comune, ispirato alle parole di Yuthok: per il beneficio di tutti gli esseri senzienti. Questo Congresso sarà per tutti noi una parte del Ngöndro quotidiano, secondo gli insegnamenti del cuore di Yuthok... Questo Congresso porterà ad incontrasi persone che potranno lavorare insieme per il resto delle loro vite... Questo Congresso sarà di ispirazione per nuove generazioni di persone interessate a divenire parte della famiglia, e futuri praticanti. Questo Congresso presenterà alcuni dei migliori ed esperti studenti e praticanti della Sowa Rigpa da tutto il mondo, e molti di loro arriveranno dai paesi d'origine delle radici della Sowa Rigpa, intorno all'altopiano himalayano. Questo Congresso inaugurerà nuove strade e opportunità per i praticanti Sorig in cerca di nuove sfide e vie di cooperazione. In questi folli tempi di separazione, questo Congresso sarà una serena riunione di apertura transculturale, basata sulla fiducia reciproca, l'altruismo, impegno e compassione per tutti gli esseri senzienti nel mondo. Sii una parte di tutto questo, come già lo sei! Questo Congresso rifletterà su un futuro sano per tutti e per il nostro ambiente, e inviterà studenti, praticanti, scienziati, artisti e persone interessate da ogni parte del mondo per vivere la loro interrelazione: Vivere Sowa Rigpa."       [wpvideo M2nYab0Y] qui il video intero di Drukmo: invito by Drukmo Gyal   INFORMAZIONI SUL CONGRESSO  Sorig congress Pisa 2018 REGISTRAZIONI AL CONGRESSO ON LINE Registrazione